Vai al contenuto

Elden Ring


AngelDevil

Messaggi raccomandati

  • 3 mesi dopo...

A me è piaciuto tantissimo. Se non ci fosse stato scritto Elder Ring avrei detto Dark Souls IV, anzi Super Dark Souls. Graficamente non sarà next gen (ad esempio mi sembra che Demon's Souls Remake sia di un altro pianeta) ma cavolo, quant'è bello? Hidetaka Miyazaki è un genio, sono anni che FS sforna dei capolavori, mezzo passo falso di DS2 (dove tra l'altro Hidetaka non era director), ma cavolo, tutti gli altri giochi sono perle... 

inoltre habemus data, questo gioco è da giocare su Series X o cmq su next gen.. Speriamo in un frame rate a 60 fps

HOLYVAMP.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Il sito ufficiale di Elden Ring si è arricchito di una serie di nuovi dettagli dopo la pubblicazione del gameplay trailer. I temi affrontati vanno dal contesto narrativo, all'esplorazione, al combattimento e altro ancora.

"L'Ordine aureo è andato in frantumi. Alzati, Senzaluce, e lasciati guidare dalla grazia verso la conquista dell'Anello ancestrale, il cui potere ti renderà lord dell'Interregno. Nell'Interregno governato dalla regina Marika l'Eterna, l'Anello ancestrale, sorgente dell'Albero Madre, è andato in frantumi.

I discendenti di Marika, progenie di semidei, rivendicarono i frammenti dell'Anello ancestrale, conosciuti col nome di rune maggiori. La follia derivata dalla loro nuova forza diede origine a un conflitto: la Disgregazione. Una guerra che portò all'abbandono della Volontà superiore. E ora la guida della grazia scenderà sui Senzaluce, cui è stata preclusa la grazia dell'oro e sono stati esiliati dall'Interregno.
Senza vita eppure vivente, avendo perduto la tua grazia da tempo, segui il sentiero verso l'Interregno oltre il mare nebbioso per apparire dinanzi all'Anello e divenire il lord ancestrale".

Un nuovo universo fantasy - Viaggia alla scoperta dell'Interregno, un nuovo mondo fantasy creato da Hidetaka Miyazaki, designer dell'acclamata serie Dark Souls, in collaborazione con George R. R. Martin, autore delle Cronache del ghiaccio e del fuoco.
Svela i misteri che si celano dietro il potere dell'Anello ancestrale. Incontra avversari dotati di storie e personalità affascinanti, ciascuno animato da motivazioni differenti per ostacolarti o aiutarti nel tuo viaggio all'interno di un mondo popolato da terribili creature.

Esplora le terre dell'Interregno - In Elden Ring potrai muoverti senza soluzione di continuità tra distese immense e angusti dedali sotterranei. Attraversa scenari mozzafiato a piedi o in sella al tuo destriero, in singolo o con altri giocatori, visitando praterie ariose, paludi malsane, montagne impervie e castelli spettrali, per citare solo alcune delle ambientazioni che compongono l'opera più imponente mai realizzata da FromSoftware.

Meccaniche di gioco uniche - Crea un eroe da zero e definisci il suo stile di combattimento scegliendo tra un ricco arsenale di armi, incantesimi e abilità conquistabili nel mondo di gioco. Attacca a testa bassa, elimina i nemici di soppiatto o chiedi aiuto ai tuoi alleati. Le opzioni sono infinite e garantiscono la massima libertà di approccio all'esplorazione e al combattimento.

 

La casa di sviluppo giapponese ha confermato, come già anticipato dai rumor dei mesi precedenti, che l'action-GDR includerà il multiplayer online fino a 4 giocatori, una caratteristica assente in Sekiro Shadows Die Twice. A giudicare dalle descrizioni fornite dal publisher Bandai Namco, parrebbe esserci la sola modalità cooperativa: "Attraversa scenari mozzafiato a piedi o in sella al tuo destriero, in singolo o con altri giocatori, visitando praterie ariose, paludi malsane, montagne impervie e castelli spettrali". Restiamo in attesa di eventuali precisazioni circa una possibile componente PvP.

Al pari dei precedenti capolavori FromSoftware, come Dark Souls, Bloodborne e Sekiro, anche il mondo di Elden Ring sarà sorretto da un avvolgente lore ricco di storie nascoste e personaggi misteriosi, questa volta curato da George R.R. Martin, autore de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco. Questo ha convinto Bandai Namco ad espandere il nome di Elden Ring oltre il mercato del gaming: "Continueremo a sviluppare Elden Ring non solo come un gioco, ma anche in una varietà di altre aree per proporre la visione di questo mondo ai nostri fan di tutto il mondo", ha dichiarato il CEO di Bandai Namco Yasuo Miyakawa.

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Il publisher ha confermato in una nota che il gioco supporta lo Smart Delivery sulle console Xbox e l'aggiornamento gratuito per la versione PS5 per chiunque decida di acquistare Elden Ring per PS4. Una bella notizia dunque per chiunque decida di comprare il gioco in versione old-gen, in questo caso potrete ottenere la versione next-gen senza costi aggiuntivi.

"In Elden Ring abbiamo fatto confluire tutta la nostra esperienza negli Action RPG e nei fantasy oscuri, maturata nella serie Dark Souls, per creare una classica ma coraggiosa evoluzione del genere", queste le prime parole di Hidetaka Miyazaki dopo la presentazione del gameplay trailer di Elden Ring: "Abbiamo creato un mondo ricco e incredibilmente vasto, basato sulle leggende scritte per il gioco da George R. R. Martin. Elden Ring è un mondo pieno di misteri e pericoli, pronto a essere esplorato e scoperto. Un dramma in cui vari personaggi ostentano la propria mistica e sono spinti da varie motivazioni. Speriamo davvero che vi divertiate scoprendolo."

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Il nuovo gioco di FromSoftware, come da tradizione dello studio giapponese, proporrà ai giocatori un'esperienza ricca di ostacoli da superare per poter proseguire nell'avventura.

All'uscita di Sekiro Shadows Die Twice furono numerose le critiche mosse da parte di quell'utenza che esigeva una easy mode del gioco. In tanti, infatti, hanno timore di approcciarsi ai capolavori dello studio proprio a causa dell'elevato tasso di difficoltà che ognuno di essi presenta, a partire da Demon's Souls, passando per Dark Souls, Bloodborne e Sekiro.

Nonostante questo, Hidetaka Miyazaki, leader dello studio, ha confermato che Elden Ring non farà eccezione e sarà "molto difficile". Il director ha paragonato la sua ultima fatica a Dark Souls 3, in quanto a difficoltà, ma ha al contempo precisato che i giocatori avranno a disposizione molte più opzioni per riuscire a superare gli ostacoli che di volta in volta saranno chiamati ad affrontare. Grazie alla possibilità di personalizzare il proprio alter ego, di chiamare in causa degli alleati tramite il multiplayer online, di agire in modo furtivo, e sfruttando le oltre 100 abilità speciali in battaglia, la difficoltà di Elden Ring "può diventare gestibile" secondo l'autore nipponico.

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 settimane dopo...
  • 1 mese dopo...
  • 1 mese dopo...

Durante il Tokyo Game Show 2021, From Software ha condiviso nuovi dettagli su Elden Ring e in particolare su come è stato bilanciato il livello di difficoltà.

Nel corso di una diretta, Yasuhiro Kitao di From Software, che si occupa di promozione, marketing, spiega che il gioco avrà un alto tasso di sfida, come da tradizione, ma che non sarà difficile tanto per il gusto di esserlo. Piuttosto il design del gioco è stato realizzato in modo da dare al giocatore un senso di realizzazione quando supera una sfida o scopre qualcosa di nuovo, e l'elevata difficoltà è uno strumento necessario per ottenere questo risultato.

Elden Ring dunque non punta ad essere un gioco spietato o ingiusto, ma anzi offre diverse soluzioni per aiutare i Senza Luce in difficoltà. Kitao spiega che, come nei precedenti titoli From Software sarà infatti evocare altri giocatori. Ci saranno anche meccaniche stealth, come in Sekiro, che permettono di prendere alle spalle e uccidere alcune tipologie di nemici. Laddove invece un giocatore fatichi a completare un dungeon particolarmente ostico, può sempre tornarci in un secondo momento e farsi le ossa e potenziar il proprio personaggio in uno meno avanzato.

Stando alle parole di Kitao dunque da Elden Ring possiamo aspettarci un titolo che saprà mettere alla prova i giocatori, ma senza mai rivelarsi troppo frustrante o inadeguato, il che in fin dei conti è quanto accade anche nelle precedenti opere di From Software.

Sempre rimanendo in tema di confronti, Kitao spiega che Elden Ring avrà le tipiche atmosfere dark fantasy di From Software, ma al tempo stesso sarà differente dai precedenti lavori della software house. Uno dei punti di rottura con il passato è rappresentato dalla mondo open world ad ampio respiro e come questo è connesso a numerosi dungeon, che invece per forza di cose avranno un esplorazione più lineare.

Kitao afferma che i dungeon possono essere di piccole o medie dimensioni, a cui si aggiungono i "legacy dungeon" che sono degli enormi castelli o altre ambientazioni "classiche" simili a quelle viste in Demon's Souls e Dark Souls.

Come sappiamo da tempo, viaggeremo nel mondo di gioco in sella a un cavallo fantasma, il cui nome è Reima, che può essere richiamato in qualsiasi momento (ad eccezione dei dungeon) con un fischio. Potremo combattere in sella al nostro fido destriero, il che tornerà utile quando affronteremo nemici imponenti come i draghi, ma in aree più chiuse e con poco spazio di manovra è preferibile esplorare a piedi.

Kitao afferma che il mondo Elden Ring è enorme e pericoloso, seppur in modo differente dai dungeon, offrendo così varietà di situazioni e dunque divertimento. Il gioco non indicherà mai ai Senza Luce il loro prossimo obiettivo, tuttavia sarà possibile orientarsi con una mappa e scegliere un punto da raggiungere che nel mondo di gioco sarà evidenziato da una colonna di luce

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 2 settimane dopo...

Elden Ring è stato rinviato nuovamente, stavolta con una data di uscita fissata al 25 febbraio 2022 e dunque circa un mese in avanti rispetto alla precedente release. Un po' di attesa in più per i fan di From Software, che ha giustificato il ritardo parlando di spessore e libertà strategica superiori alle aspettative.

Lo studio giapponese, ad ogni modo, ha provato a farsi perdonare annunciando una closed beta di Elden Ring, che si svolgerà dal 12 al 15 novembre e consentirà agli utenti di provare il gioco in anteprima, nonché agli autori di raccogliere importanti feedback in vista appunto del lancio.

Torniamo però all'annuncio del rinvio: "Elden Ring verrà pubblicato il 25 febbraio 2022 in quanto lo spessore e la libertà strategica del gioco sono andati oltre le nostre iniziali aspettative", hanno scritto gli sviluppatori, ringraziando come di consueto i fan per la loro pazienza e dandogli appuntamento all'appena citato periodo di test della closed beta.

Insomma, a leggere queste parole viene difficile restare delusi per un ritardo di appena quattro settimane, visto che contestualmente From Software parla di aspetti cruciali del gioco che si sono spinti oltre quelle che erano le loro valutazioni preliminari, andando dunque a comporre il quadro di una produzione ancora più solida e ambiziosa.

Bandai Namco ha ufficialmente aperto le iscrizioni alla Closed Beta di Elden Ring, grazie alla quale i giocatori potranno provare con qualche mese d'anticipo il titolo FromSoftware.

Ecco di seguito il calendario delle fasi di test:

  • Sessione 1: venerdì 12 novembre dalle 12 alle 15
  • Sessione 2: sabato 13 novembre dalle 4 alle 7
  • Sessione 3: sabato 13 novembre dalle 20 alle 23
  • Sessione 4: domenica 14 novembre dalle 12 alle 15
  • Sessione 5: lunedì 15 novembre dalle 4 alle 7

Per poter partecipare all'evento occorre accedere con un account Bandai Namco sul sito ufficiale e compilare un semplice form che riguarda la piattaforma preferita (PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One e Xbox Series X|S) e i prodotti FromSoftware giocati in precedenza. Al momento la registrazione non garantisce l'accesso al Closed Network Test e non è detto che tutti i giocatori che si iscriveranno ai test potranno provare il gioco nelle prossime settimane.

 

Modificato da AngelDevil

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 3 settimane dopo...

Per me Day one. Mi ha convinto. Sembra l'evoluzione dei Souls.

Poi vabbè hanno riciclato tante cose (gli asset, animazioni ecc...) da Dark Souls. Persino i bauli dei tesori, sono uguali a DS3 ahah. Alcune animazioni un pò meh, tipo il salto del cavallo. Per il resto tantissima roba. Ambientazione una garanzia. I FS non sbagliano mai. Dio Benedica Hidetaka Miyazaki... un genio. Forse dal punto di vista artistico, reputo ancora adesso Bloodborne la sua opera videoludica migliore, ma anche Elden Ring si difende bene.

HOLYVAMP.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Come girerà Elden Ring su PS5, PS4, PC, Xbox Series X|S e Xbox One in termini di risoluzione, fps ed eventuale supporto per il ray tracing? Lo ha rivelato Bandai Namco con le specifiche tecniche ufficiali del gioco.

Sapevamo già della modalità 4K e 60 fps su PS5 per Elden Ring, con le tradizionali due opzioni per ottenere la massima qualità visiva oppure una maggiore fluidità su PlayStation 5, ma le informazioni che arrivano dal publisher sono complete e riguardano tutte le piattaforme.

Partiamo dal PC, dove in base alla configurazione hardware Elden Ring (qui la nostra anteprima) può girare a 4K e 60 fps con HDR e ray tracing. Nessuna modalità grafica, ovviamente, bensì le tradizionali impostazioni per scalare il gioco a seconda della componentistica.

Su PS5 e Xbox Series X il nuovo titolo di From Software potrà invece girare fino a 4K e 60 fps con HDR e ray tracing, con le due classiche modalità per privilegiare risoluzione o frame rate: nel primo caso toccheremo probabilmente i 2160p effettivi a 30 fps, nel secondo caso si viaggerà a 60 fotogrammi abbassando la definizione.

Troveremo due modalità grafiche anche su Xbox Series S, a quanto pare: la console next-gen economica di Microsoft farà girare Elden Ring a 1440p e 60 fps con HDR ma senza ray tracing, ma anche qui bisognerà scegliere fra qualità e performance andando a modificare i valori di risoluzione e frame rate.

Infine su PS4 il gioco funzionerà a 1080p e 30 fps con HDR, su PS4 Pro a 1800p e 30 fps con HDR, su Xbox One a 900p e 30 fps, e su Xbox One X a 4K e 30 fps con HDR. Per tutte le piattaforme di precedente generazione i valori sono fissi, ma non si esclude l'uso di soluzioni dinamiche.

È importante notare che in tutti i casi il ray tracing viene elencato "via patch", nel senso che probabilmente non sarà disponibile al lancio di Elden Ring, bensì verrà aggiunto successivamente tramite un aggiornamento

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Ormai è abbastanza assodato che come lore sarà fenomenale. Io il fatto che assomigli a DS3 non lo trovo per nessun motivo un problema anzi mi piace, e spero proprio che siano andati a migliorare i suoi difetti! Io sono entusiasta di ciò che si  visto e da adesso smetterò di seguire il tutto fino alla recensione che leggerò esclusivamente come surplus, perché niente e nessuno mi convincerà a non dar fiducia a questo gioco.

Link al commento
Condividi su altri siti

  • 4 settimane dopo...

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Crea Nuovo...