Vai al contenuto

Xbox Series X | S


AngelDevil

Messaggi raccomandati

Mmm, al momento la s tira avanti la baracca visto che la x non è  reperibile, delle 15 milioni scarse di x/s vendute MS ha mai fornito una percentuale? Quanto saremo? 60% s e 40% x?

Modificato da Aluc74

http://gamercard.mondoxbox.com/mondo/Aluc74.png

Link al commento
Condividi su altri siti

12 ore fa, Aluc74 ha scritto:

Mmm, al momento la s tira avanti la baracca visto che la x non è  reperibile, delle 15 milioni scarse di x/s vendute MS ha mai fornito una percentuale? Quanto saremo? 60% s e 40% x?

Dati ufficiali non ci sono ma solo presunti.

Famitsu ha appena pubblicato le classifiche giapponesi riguardanti il mercato dei videogiochi, dalla settimana che va dal 9 al 25 maggio 2022. E grazie a questa nuova classifica, è possibile notare come Xbox Series S sia riuscita per la prima volta a vendere più dell’intera famiglia di PlayStation 5, quindi più delle vendite combinate del modello standard e quello All Digital.

Difatti stando ai dati condivisi dalla nota rivista nipponica, Xbox Series S ha venduto 6.120 unità, mentre invece PS5 2.693 unità. 

Inoltre è bene segnalare come una console Xbox non vendeva più di una PlayStation dalla generazione Xbox 360, con ovviamente le scorte limitate di PS5 che hanno ovviamente limitato le vendite della console Sony. 

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Quindi la base di s è attualmente superiore a quella della x, già per per sh è praticamente impossibile rinunciare alla mastodontica base di di ps4/one ancora utilizzate, figuriamoci alla s, ma poi siamo davvero sicuri che la s sia già diventata così obsoleta? Oppure è solo voglia di non ottimizzare per risparmiare?

http://gamercard.mondoxbox.com/mondo/Aluc74.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Digital Foundry ha eseguito nuovi test su Xbox One, per poter capire se la più debole console di Microsoft è ancora in grado - dopo anni - di permettere agli appassionati di giocare con i giochi moderni. Come sempre, ha anche condiviso un video dedicato, che potete trovare poco sotto.

Xbox One (non One S, attenzione alla differenza) è uscita nel 2013 e supporta ufficialmente anche i giochi più recenti, come Elden Ring, Cyberpunk 2077 e Battlefield 2042, che faticano a mantenere prestazioni adeguate anche su piattaforme come PS5 e Xbox Series X.

Secondo Digital Foundry, l'originale Xbox One è in grado di offrire in pratica due tipi di risultati: alcuni giochi vanno tutto sommato bene, con qualche piccolo limite, mentre altri soffrono pesantemente la limitata potenza della console e non raggiungono i propri obiettivi prestazionali.

Ad esempio, con Forza Horizon 5 e Grid Legends ci sono alcuni problemi, ma anche ad alta velocità i due giochi di guida mantengono un buon frame-rate. Ovviamente la risoluzione e gli FPS non sono pari alle console di Microsoft più recenti, ma non ci si può lamentare.

Ci sono però giochi nei quali il frame rate è molto basso anche nelle scene non troppo impegnative, con stutter regolari. Cyberpunk 2077, Call of Duty Vanguard, Battlefield 2042, Elden Ring e Tales of Arise sono un esempio.

Ovviamente i giudizi sono stati dati dopo aver eseguito dei confronti con Xbox One S, che può contare su una potenza del 7.1% superiore. La console più recente è in grado di proporre, nell'esempio riportato con Tales of Arise, tra i due e i quattro frame in più. Giochi come Elden Ring e Cyberpunk 2077, invece, non mostrano miglioramenti sensibili. In breve, se un gioco supporta la risoluzione dinamica, il frame rate è identico tra le due console.

Per quanto riguarda i caricamenti, Xbox One è mediamente molto lenta e Xbox One S è in grado di migliorare anche del 35% i tempi (Forza Horizon 5). Ci sono però titoli con differenze minori, come The Ascent che passa da 162.7 secondi a 160.0 secondi, oppure Cyberpunk che passa da 50.0 secondi a 49.2 secondi. In questo caso, però, Digital Foundry afferma che parte della differenza potrebbe anche essere legata al fatto che la console usata come test ha sulle spalle molti anni d'uso.

Viene poi fatto notare che, con il passaggio a giochi cross-gen, pensati prima di tutto per PS5 e Xbox Series X|S, Xbox One si trova in una situazione difficile. Ad esempio, Call of Duty Vanguard ha prestazioni nettamente peggiori su Xbox One di Call of Duty Modern Warfare, pur essendo giochi con un solo anno di distanza. Anche Battlefield 2042 propone prestazioni peggiori di Battlefield 5. Xbox One potrebbe oramai essere diventata una "cittadina di seconda classe" e gli sviluppatori ottimizzano meno i giochi per tale hardware, soprattutto considerando che ha venduto meno della rivale PS4.

Infine, Digital Foundry afferma che per i giocatori di Xbox One la soluzione migliore in questo momento è optare per Xbox Series S, che ha un prezzo non elevato e permette di giocare a giochi cross-gen a una qualità superiore, anche se non massima.

 

Durante una conferenza, la compagnia di componenti hardware TCL Technology ha affermato che PS5 Pro e nuovi modelli di Xbox Series dovrebbero arrivare nel 2023/24. Potete vedere delle fotografie qui sotto, che mostrano una diapositiva dell'evento.

ftnybycwqaabp6i_png_1400x0_q85.jpg

Secondo quanto indicato, entro due anni dovrebbero arrivare le console di "mezza generazione", che sono ora note come PS5 Pro e "nuove" Xbox Series. In termini tecnici, l'obiettivo in termini di risoluzione dovrebbe essere 2160p e 60/120 FPS in render, con però un output fino a 8K e 60/120 FPS. La GPU delle console dovrebbe essere la RX7700XT.

Ora, dobbiamo forse considerare questa diapositiva di TCL Technology come un annuncio certo delle nuove console? Ovviamente no. È possibilissimo che quella di TCL sia più una supposizione, una stima basata sul tempo intercorso tra l'inizio di una generazione e l'arrivo della "mezza generazione". Come nel caso di PS4 e Xbox One, PS5 Pro e le nuove Xbox Series X arriverebbero tre/quattro anni dopo l'uscita delle console originali.

Considerando anche che a più di un anno dall'inizio della generazione è ancora difficile recuperare le versioni base delle console, con molti giocatori che corrono dietro a bundle e disponibilità limitate, non crediamo che vi sia modo di proporre nuovi modelli, ancora più potenti e costosi.

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Digital Foundry ha pubblicato un nuovo video, in cui Richard Leadbetter discute dei possibili upgrade di PS5 e Xbox Series X, che per comodità d'ora in poi chiameremo "PS5 Pro" e "Xbox Series Next", e se, considerando le attuali condizioni del mercato e i progressi in ambito tecnologico, sono davvero necessari o addirittura sensati da realizzare. Dubbi leciti, dato che, come vedremo tra poco, i punti a sfavore per delle console mid-gen non sono affatto trascurabili.

Uno dei dubbi posti da Digital Foundry è che siamo a quasi due anni dal lancio di PS5 e Xbox Series X|S e la "vera next-gen" deve ancora arrivare, dato che siamo ancora nel pieno della transizione cross-gen. In questo caso Leadbetter non si riferisce solo allo sviluppo di titoli esclusivamente per le console current-gen, ma anche l'utilizzo di tecniche avanzate, come quelle viste nella demo di Matrix realizzata con l'utilizzo dell'Unreal Engine 5. Il quesito posto da Digital Foundry è lecito: se l'hardware di PS5 e Xbox Series X deve essere ancora spremuto qual è il senso di realizzare una PS5 Pro o un'Xbox Series Next tra uno o due anni?

Un altro dei temi affrontati da Leadbetter è quale obiettivo potrebbero porsi degli eventuali upgrade mid-gen delle console Sony e Microsoft. Leadbetter spiega che PS4 Pro e Xbox One X vennero lanciate in risposta alla crescente diffusione degli schermi 4K, andando incontro così alle esigenze specifiche di una fetta di mercato. Le stesse condizioni potrebbero non presentarsi in questa generazione, visto che i TV 8K stentano ad affermarsi, e chi sa se mai ci riusciranno. In tal senso promettere solo performance più elevate potrebbe non essere abbastanza per penetrare nel mercato di massa. Inoltre a suo avviso mancano anche le tecnologie necessarie per eseguire un balzo hardware significativo.

Leadbetter cita anche il problema relativo ai costi di produzione. Nel video di Digital Foundry, viene spiegato come questi nelle passate generazioni venivano abbattuti drasticamente nel corso del tempo. Ad esempio nel caso di Xbox 360 i costi di produzione dal lancio alla fine del ciclo vitale si sono ridotti quasi di tre quarti. Ma per PS5 e Xbox Series X le cose potrebbero essere molto differenti, visto che i costi non stanno calando con lo stesso ritmo e quindi lanciare un modello più potente potrebbe rivelarsi impossibile da sostenere (o richiedere un prezzo di vendita fuori mercato, aggiungiamo noi). Inoltre, ricorda Leadbetter, il successo di Nintendo Switch e Xbox Series S dimostrano che la potenza non è tutto.

L'ultimo punto affrontato da Leadbetter riguarda l'attuale situazione economica mondiale, con l'inflazione in aumento mentre i prezzi delle console rimangono fissi (a differenza di quelli delle GPU), il che significa che Sony e Microsoft stanno ottenendo guadagni inferiori per ogni unità venduta di PS5 e Xbox Series X e tale situazione potrebbe essere persino peggiore con degli upgrade hardware.

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Nella scorsa generazione ero d'accordo nel fare uscire PS4 Pro e Xbox One X, ma questa volta è tutta un'altra stoia. Ora l'obbiettivo è quello di rendere al più presto PS5 e Xbox Series X disponibili a tutti e iniziare finalmente a sfruttarle a dovere. Secondo me sarebbe meglio far uscire una nuova generazione di console fra 3 o 4 anni, piuttosto che una generazione di mezzo fra 1 o 2 anni.

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, The-Phoenix ha scritto:

Nella scorsa generazione ero d'accordo nel fare uscire PS4 Pro e Xbox One X, ma questa volta è tutta un'altra stoia. Ora l'obbiettivo è quello di rendere al più presto PS5 e Xbox Series X disponibili a tutti e iniziare finalmente a sfruttarle a dovere. Secondo me sarebbe meglio far uscire una nuova generazione di console fra 3 o 4 anni, piuttosto che una generazione di mezzo fra 1 o 2 anni.

Concordo, al momento se non per un paio di feature carine, console totalmente inutili.

Gaxel.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Stando ai tweet di Mat Piscatella, analista di NPD Group piuttosto popolare nel settore videoludico, le recenti dichiarazioni sull'esistenza delle due potentissime macchine da gioco non andrebbe presa troppo in considerazione.

Ecco di seguito uno dei cinguettii di Piscatella:

"TCL sta cercando un modo per vendere le TV 8K. Le prossime console dovrebbero almeno in teoria aiutare a farlo, quindi stanno tentando di convincere i giocatori che sarà così. Ora non pensiamoci più."

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Presto Microsoft potrebbe annunciare una nuova versione dell'Xbox Controller, forse con feedback aptici. Niente è stato ancora comunicato ufficialmente, ma un suggerimento abbastanza esplicito in merito è arrivato da Xbox Design Lab.

Di fatto il sito di XDL è stato chiuso e attualmente mostra un'immagine teaser su cui possiamo leggere: "Rimanete in attesa di vedere a cosa stiamo lavorando." Sotto viene promesso che il sito tornerà presto online. Il resto dell'immagine è composto da un controller con sopra delle strane scie.

fuhzto_xsai_2fy_jpg_800x0_crop_upscale_q

L'ipotesi più accreditata è che durante l'Xbox & Bethesda Showcase del 12 giugno possa essere mostrato un nuovo controller, magari con feedback aptici, come richiesto a gran voce dai fan, così da colmare il gap tecnologico con il DualSense di PS5.

Già in passato era emersa la possibilità che Microsoft stesse lavorando a una nuova versione del controller di Xbox. In realtà i dirigenti di Microsoft stessi hanno più volte affermato che l'evoluzione del controller non si sarebbe fermata. Quindi che sia a breve o che occorra attendere qualcosa di più, è solo questione di tempo prima che venga mostrato un nuovo controller di Xbox di qualche tipo.

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Amazon ha presentato un nuovo sistema di acquisto su invito per i prodotti dalla richiesta elevata e scarsa disponibilità. Il programma è stato lanciato da pochi giorni negli USA e verrà utilizzato inizialmente per la vendita di PS5 e Xbox Series X, che come sappiamo sono molto difficili da reperire nei negozi a causa della crisi dei semiconduttori, ma il marketplace di Jeff Bezos punta di portare questa funzionalità anche in altri paesi e di includere un numero maggiore di prodotti in futuro.

La notizia è stata riportata sulle pagine di techcrunch, che ha condiviso alcune immagini del programma di acquisti su invito fornite da Amazon stessa. Come possiamo vedere una volta entrati nella pagina del prodotto sarà necessario richiedere un invito. Quando questo sarà disponibile e arriverà il nostro turno, il sistema ci invierà una email, avvisandoci che possiamo procedere all'acquisto, entro un tempo limite (nell'esempio si parla di 72 ore). A questo punto basta utilizzare il link fornito, aggiungere l'oggetto dei nostri desideri al carrello e proseguire con il checkout.

Amazon afferma che l'obiettivo degli acquisti su invito è quello di assicurare che gli acquirenti siano in grado di acquistare i prodotti più difficili da reperire data la loro scarsa reperibilità, al tempo stesso combattendo il fenomeno degli scalper.

"Lavoriamo sodo ogni giorno per fornire ai clienti prezzi bassi, vasta scelta e consegne rapide", ha affermato Llew Mason di Amazon, in una dichiarazione rilasciata a TechCrunch. "Ciò include lo sviluppo di un'esperienza di acquisto in cui i clienti possono acquistare gli articoli a cui sono interessati senza doversi preoccupare che i malintenzionati li acquistino e li rivelino a un prezzo molto più alto".

Il sistema di acquisti su invito non ha costi aggiuntivi e sarà disponibile per tutti gli utenti, anche coloro che non sono abbonati ad Amazon Prime. Amazon nel momento in cui viene richiesto un invito valuta se l'utente che lo richiede è reale o un bot basandosi su una serie di fattori, come la cronologia degli acquisti e quando è stato creato l'account.

Questo è interessante. Ma in Italia chissà quando arriverà.

  • Like 1

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Phil Spencer, CEO di Microsoft Gaming, ha parlato degli oltre 100 milioni di giocatori di Xbox e di come la sua azienda punti a creare una piattaforma da gaming per i prossimi 20 anni.

"Vogliamo essere sicuri che la nostra straordinaria community di giocatori possa trovare grandi giochi realizzati dagli autori più diversi: dagli studi più blasonati ai singoli indipendenti che raccontano le proprie storie", ha detto. "Vogliamo che queste community siano sicure e inclusive per chiunque voglia entrarvi."

"Stiamo costruendo una piattaforma in grado di raggiungere miliardi di utenti, che sia su console, su PC o attraverso lo streaming di Xbox cloud, dove giocatori su qualsiasi dispositivo possano trovare contenuti che vogliono giocare."

"Dai browser alle app, che si tratti o meno di un dispositivo dedicato al gaming, è questa la direzione verso cui Xbox sta procedendo: trovare il maggior numero possibile di giocatori e coltivare una community fatta di straordinari creatori."

"Abbiamo oltre cento milioni di utenti che giocano su Xbox, sappiamo che ci sono persone di tutte le età all ricerca della propria community e vogliamo essere sicuri di star facendo gli investimenti necessari per la loro sicurezza."

"I nostri giocatori devono poter trovare utenti con gusti simili ai loro, ma anche poter bloccare determinate persone. Tutto ruota attorno al creare un ambiente sicuro e inclusivo, dove la gente possa trovare grandi giochi e fantastiche community a prescindere dall'età e dal genere preferito."

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Xbox Series X è disponibile per l'acquisto sul portale italiano di Microsoft Store oggi, 10 giugno 2022. La console è in vendita al prezzo standard di 499,99 euro, ma come al solito le unità disponibili sono poche, quindi se siete interessati approfittatene finché siete in tempo.

1634485.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Presto Microsoft potrebbe annunciare una nuova versione dell'Xbox Controller, forse con feedback aptici. Niente è stato ancora comunicato ufficialmente, ma un suggerimento abbastanza esplicito in merito è arrivato da Xbox Design Lab.
Di fatto il sito di XDL è stato chiuso e attualmente mostra un'immagine teaser su cui possiamo leggere: "Rimanete in attesa di vedere a cosa stiamo lavorando." Sotto viene promesso che il sito tornerà presto online. Il resto dell'immagine è composto da un controller con sopra delle strane scie.
fuhzto_xsai_2fy_jpg_800x0_crop_upscale_q85.jpg
L'ipotesi più accreditata è che durante l'Xbox & Bethesda Showcase del 12 giugno possa essere mostrato un nuovo controller, magari con feedback aptici, come richiesto a gran voce dai fan, così da colmare il gap tecnologico con il DualSense di PS5.
Già in passato era emersa la possibilità che Microsoft stesse lavorando a una nuova versione del controller di Xbox. In realtà i dirigenti di Microsoft stessi hanno più volte affermato che l'evoluzione del controller non si sarebbe fermata. Quindi che sia a breve o che occorra attendere qualcosa di più, è solo questione di tempo prima che venga mostrato un nuovo controller di Xbox di qualche tipo.
Io sono fermo a quello della one x... Chissà se cambierà molto

Inviato dal mio GM1900 utilizzando Tapatalk

Link al commento
Condividi su altri siti

Scusate non so se è la sezione adatta, ma volevo chiedervi e solo a me che da 2 settimane la serie x si disconnette di continuo da xbox live, ho provato di tutto, resettato la cache, il modem, collegato a uno splitter ethernet, collegata in wi fi, ma nulla si connette e dopo poco si disconnette, se controllo dale opzioni la connessione è sempre perfetta.Se avete notizie vi prego fatemelo sapere grazie mille

Link al commento
Condividi su altri siti

sinceramente non saprei, non me lo aveva mai fatto, mai cambiato nulla sul modem, per l ip statico non so come fare, leggo che si creano solo problemi, ma ora cerco una guida e prova

niente non ci capisco nulla, ma devo mettere come ip statico sul modem quello che la console ha sul momento o lo devo mettere io a mano prima nella console e poi nel modem?

 

Link al commento
Condividi su altri siti

2 ore fa, gv7r ha scritto:

sinceramente non saprei, non me lo aveva mai fatto, mai cambiato nulla sul modem, per l ip statico non so come fare, leggo che si creano solo problemi, ma ora cerco una guida e prova

niente non ci capisco nulla, ma devo mettere come ip statico sul modem quello che la console ha sul momento o lo devo mettere io a mano prima nella console e poi nel modem?

 

vai nelle impostazioni del tuo router ed abilita upnp, inoltre ti consiglio di aprire le varie porte (sempre sul router) consigliate da microsoft, sul sito trovi tutto

Link al commento
Condividi su altri siti

21 ore fa, gv7r ha scritto:

sinceramente non saprei, non me lo aveva mai fatto, mai cambiato nulla sul modem, per l ip statico non so come fare, leggo che si creano solo problemi, ma ora cerco una guida e prova

niente non ci capisco nulla, ma devo mettere come ip statico sul modem quello che la console ha sul momento o lo devo mettere io a mano prima nella console e poi nel modem?

 

Devi prima mettere un ip non automatico alla xbox (fai una foto prima di modificare tutto e rimetti i valori manualmente)

poi nel modem crei l’ip statico e lo metti uguale a quello della xbox, così combaciano

tamPax modality...ON tx+pax360volt.png +Paxieiachi?

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Crea Nuovo...