Vai al contenuto

Serie A TIM


Uroboros

Messaggi raccomandati

La Juve di Allegri ha 6 vittorie 4 pareggi e 2 sconfitte contro l'Inter (1 di queste sconfitte è in coppa italia al ritorno dove la Juve è passata ai rigori)

Sssshhhh non dirlo altrimenti poi otema si agita :asd:

http://gamercard.mondoxbox.com/mondo/Miskio88.png http://card.psnprofiles.com/1/Miskio88.png

Il prossimo sabato sera, ti rimanderò indietro nel futuro!!! cit.

Link al commento
Condividi su altri siti

Molto bella la Juve, peraltro credo sia la prima volta in vita mia che i bianconeri non mi stanno sulle palle :asd:.

Massimo rispetto per chi cerca di fare spettacolo (o quantomeno bel gioco) rischiando qualcosa in più.

Non seguendo la Juve in tutte le sue uscite c'è una cosa che non ho ben capito: perché Ramsey, Rabiot (vabbè che è mancino) o Can non vengono preferiti al pur bravo Khedira (considerando Matuidi per il momento intoccabile date le prestazioni)?

Non mi aspettavo certo, considerando Pjanic fisso, che disponendo di diversi cc di qualità Sarri avrebbe optato per il "doppio mastino".

Modificato da bile88
Link al commento
Condividi su altri siti

Il Milan di Giampaolo infatti ha la media punti peggiore degli ultimi cinque anni: appena 1,29 in 7 gare, appunto. Poco meglio di lui aveva fatto Brocchi che nel finale della stagione 2016/17 aveva raccolto una media di 1,33 punti in 6 partite.

 

Media bassa anche quella di Filippo Inzaghi, che nelle 38 partite da allenatore del Milan aveva fatto registrare una media di 1,37 punti.

 

La media migliore degli ultimi cinque anni è invece quella di Gennaro Gattuso, che in 61 partite ha conquistato 1,79 punti a gara. Dietro di lui ci sono Vincenzo Montella (1,60 punti a partita in 52 gare) e Sinisa Mihajlovic (1,53 punti in 32 partite).

 

Tutti comunque avevano fatto meglio di Marco Giampaolo. Ecco perché il Milan sembra aver già decisivo di voltare pagina e ripartire da un un tecnico più esperto come Luciano Spalletti.

Lone+Wolf+X0.png

Link al commento
Condividi su altri siti

bella caxxata, questo mostra (se ancora qualcuno non ci fosse arrivato) l'inesistenza di una dirigenza capace, dopo 7 giornate mandi via un allenatore, sapendo che ripartivi da zero con un nuovo progetto, per prenderne un altro per fare cosa?? Arrivare sempre 5/6, visto che il ivello della formazione quello

 

Spalletti al Milan

Link al commento
Condividi su altri siti

Ai microfoni di 'Rai Radio1', la storica bandiera dell'Inter Sandro Mazzola ha svelato il suo punto di vista sull'allenatore salentino:

 

"Abbiamo fatto bene a toglierlo alla Juve, però non lo so, non mi convince. Quando parla mi sembra parli ancora con gli juventini invece che con i nostri. Si, perché si nasce juventini come si nasce interisti, è difficile cambiare. Non c'è niente da fare, è una cosa che ha dentro proprio".

 

Mazzola sposta il discorso sulla questione arbitri, tirando in ballo anche l'ultimo match di San Siro:

 

"Da cosa lo capisco? Anche da come guarda la partita. Vorrebbe parlare come da juventino poi si accorge che è all'Inter e parla da interista. Protestando con gli arbitri come quando era alla Juve...? Alla Juve gli bastava alzare le mani e guardare l'arbitro per avere un rigore. Qui invece no. Arbitro pro-Juve? Cavoli, come sempre, anche ieri".

 

Infine il capitolo Mauro Icardi, che Mazzola preferiva a Lukaku:

 

"Manca, mi piaceva molto, lo preferisco a Lukaku".

Lone+Wolf+X0.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Ai microfoni di 'Rai Radio1', la storica bandiera dell'Inter Sandro Mazzola ha svelato il suo punto di vista sull'allenatore salentino:

 

"Abbiamo fatto bene a toglierlo alla Juve, però non lo so, non mi convince. Quando parla mi sembra parli ancora con gli juventini invece che con i nostri. Si, perché si nasce juventini come si nasce interisti, è difficile cambiare. Non c'è niente da fare, è una cosa che ha dentro proprio".

 

Mazzola sposta il discorso sulla questione arbitri, tirando in ballo anche l'ultimo match di San Siro:

 

"Da cosa lo capisco? Anche da come guarda la partita. Vorrebbe parlare come da juventino poi si accorge che è all'Inter e parla da interista. Protestando con gli arbitri come quando era alla Juve...? Alla Juve gli bastava alzare le mani e guardare l'arbitro per avere un rigore. Qui invece no. Arbitro pro-Juve? Cavoli, come sempre, anche ieri".

 

Infine il capitolo Mauro Icardi, che Mazzola preferiva a Lukaku:

 

"Manca, mi piaceva molto, lo preferisco a Lukaku".

Poverino é anziano, mi sa che ha visto qualche altra partita e manco se n é accorto :asd:
Link al commento
Condividi su altri siti

Secondo quanto riferito da 'Sky Sport', i due anni di contratto che legano Luciano Spalletti ai nerazzurri rappresenta un forte ostacolo: ci sono ancora grosse difficoltà nel raggiungere un'intesa per la buonuscita e la dirigenza del Diavolo sembra voler cambiare rotta.

 

Il condizionale è ancora d'obbligo per una trattativa che potrebbe anche sbloccarsi nelle prossime ore: Spalletti sta cercando di rescindere il proprio contratto chiedendo un anno di contratto pagato, ma attualmente Stefano Pioli è il candidato numero uno per sostituire Giampaolo alla guida del Milan.

 

 

C'è l'accordo. E c'è anche l'ufficialità. Salta la prima panchina in Serie A: Eusebio Di Francesco - sei sconfitte in sette partite di campionato - si congeda così dalla Sampdoria con una risoluzione consensuale del contratto. All'ormai ex tecnico blucerchiato verrà corrisposto solo il pagamento della prima annualità di stipendio, pari a 1,8 milioni netti, ma l'allenatore rinuncerà ai due anni di contratto successivi.

Modificato da AngelDevil

Lone+Wolf+X0.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Stefano Pioli ha già incontrato il Milan. E ora si attende solo l’annuncio ufficiale: nel pomeriggio ci sarà l’incontro per definire i vari dettagli contrattuali. L’ex tecnico dell’Inter firmerà un accordo biennale da 1,5 milioni di euro circa. Già ieri sera Pioli era stato allertato da Boban e Maldini dopo che era definitivamente tramontata la pista Spalletti. Avvisato nel frattempo Marco Giampaolo.

 

Una scelta che però non sembra aver raccolto il parere favorevole del tifo rossonero: sui social spopola l'hashtag #PioliOut, balzato al primo posto nelle tendenze in Italia nel giro di pochissime ore.

 

 

Dybala evidenzia i meriti di Sarri sottolineando la differenza con Allegri.

 

"Sono allenatori diversi nella maniera di far giocare la loro squadra e questo si vede chiaramente. Con Allegri abbiamo fatto tante belle cose, ma credo che Sarri sia un po’ più offensivo e si vede già che la Juve gioca un po’ di più rispetto all’idea di calcio di Allegri".

Modificato da AngelDevil

Lone+Wolf+X0.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

×
×
  • Crea Nuovo...