Vai al contenuto


Foto

Riflessione sul mondo dei videogames.


  • Per cortesia connettiti per rispondere
706 risposte a questa discussione

#701 OKUTO79

OKUTO79
  • Utenti
  • 5511 messaggi

Inviato 29 August 2017 - 02:13

Ragazzi ieri mi è arrivato l'Oculus Rift a casa e mi si è aperto un mondo.

Ci ho giocato qualche ora (avevo provato Vive e PSVR un anno fa ad una fiera) e, santoddio, è un modo davvero NUOVO di vivere il media che VA provato... persino un gioco "cretino" come Space Pirate Training (che provai appunto un anno fa e ho comprato ieri), dove devi "solo" gestire delle ondate di nemici sparando loro contro, diventa qualcosa di talmente immersivo ed appagante che CoD levati (per citare un fps qualsiasi).
 
La voglia di mettersi alla prova DAVVERO, perchè DAVVERO (si fa per dire XD) impugni l'arma, la punti, miri e spari, perchè DAVVERO schivi i proiettili spsotandoti di lato o abbassandoti, perchè DAVVERO ti sudano le mani quando la situazione si fa difficile, è qualcosa che va oltre il videogioco.

Se siete annoiati dal gaming moderno, se non trovate più stimoli (non era il mio caso, ma l'effetto c'è stato comunque), fatevi un favore e procuratevi un visore (possibilmente su pc dato che c'è molta più scelta di programmi, prorpietari o meno)...
 
Non fosse stato per la promo dell'oculus (449 euro ss incluse per: oculus rift + due sensori + due touch + telecomando + pad xbox one + ricevitore xbox/pc + 7 giochi gratis -tra cui Luky's Tale lol... quello presentato sulla One questo E3 se non sbaglio) non lo avrei preso, troppi soldi, ma così era imperdibile...
 
p.s. tra i sette titoli gratis c'è Robo Recall, che è uno shooter (ci si muove liberamente per una mappa grazie ad un sistema di teletrasporto -punti, muovi la levetta e ti muovi nel punto scelto-) dove bisogna sparare a degli androidi (ricorda un po' Binary Domain). La figata è che pare una roba anni 80, col classico ispettore di polizia uberpowa che può sia bloccare i proiettili al volo e rilanciarli al mittente, sia afferrare gli altri androidi come fossero fatti di carta e smembrarli (appagantissimo XD) o usarli come scudi umani, o lanciarli contro ai loro compagni, ecc.

Gasa un sacco.

Azz mi ero perso il topic.
Complimenti per l'acquisto.
Una volta provata la VR,in effetti è difficile tornare indietro, soprattutto per alcune tipologie di giochi.
È un ottimo media per affiancare il gaming normale.
Purtroppo chi non prova, non può capire.


Oculus ha una libreria vastissima di titoli, ma ormai anche PSVR ha davvero tantissimi giochi e moltissimi sono in via di sviluppo. A novembre arriverà anche SKYRIM VR e DOOM VR! Ormai la VR è lanciata, col passare degli anni la tecnologia e il supporto aumenterà esponenzialmente.

Messaggio modificato da OKUTO79, 29 August 2017 - 02:19

  • 0
[Immagine inserita]Immagine inserita

#702 Reimi Saionji 4

Reimi Saionji 4
  • Bannato
  • 1626 messaggi

Inviato 15 September 2017 - 13:11

Il mondo dei videogiochi è sempre stato accostato a episodi di violenza o raptus di follia, portando la gente a credere che le due cose fossero collegate.

 

Nonostante si siano effettuati degli studi a riguardo, i quali hanno sempre, in un certo senso, difeso i videogiochi, i mass media e l'informazione in generale non può non collegare episodi di violenza con i videogiochi.

 

Secondo un recente studio condotto dall'università di Montreal, in Canada, sembra però ci sia una correlazione tra i first person shooter e i danni celebrali.

 

Lo studio è stato fatto su 97 soggetti (51 maschi e 46 femmine), i quali hanno dovuto giocare per 90 ore complessive a titoli come Call of Duty, Borderlands e Killzone.

 

Dopo aver giocato questi tre giochi, gli scienziati hanno rilevato una notevole diminuzione della materia grigia nei soggetti, rispetto ad altri soggetti che non hanno giocato ai suddetti titoli.

 

I ricercatori hanno potuto affermare che giocando agli FPS si aziona l' "autopilota" di una porzione del cervello, la quale permette all'ippocampo di diminuire le sue dimensioni e questo, con il tempo, può portare a perdita di memoria, depressione e schizofrenia.

 

Nonostante tutto questo possa allarmare, gli scienziati hanno dichiarato di non trarre conclusioni affrettate in quanto si tratta di un singolo test effettuato su pochi partecipanti.

 

Prima di poter affermare che gli FPS possano realmente nuocere alla salute, bisogna che vengano effettuati ulteriori test.

Ma quante stupidaggini mamma mia....(non mi rivolgo a te, ma all'articolo).

Il cervello umano è una cosa talmente vasta e misteriosa che è impossibile decifrarla, poi sopratutto gli americani....che sono proprio i più caxxari dei caxxari, credo fino a un certo punto alla psicologia quella SERIA, quella dove devi studiare 10 anni all'università, non a Tony Robbins,Roberto Cerè, Roberto Re e altri italiani che scopiazzano i suoi testi per vendere corsi e libri a poveri disgraziati che hanno problemi più grossi di loro....

Quello che fà male a te può far bene a me, esempio pratico: io sono quasi 2 mesi che sto lontano dai social come la peste, perchè mi provocano irritazione e malessere generale (instagram, facebook e you tube) sommai ci sto forse manco 1 ora al giorno, prima anche 8-9 ore.

Invece mi fà benissimo giocare ai videogiochi 2-3 ore al giorno, come passatempo tra una sessione di studio e l'altra, per me è un potentissimo antistress.

Poi...giusto per chiudere il cerchio, ho giocato anni ai vari: halo, gears, killzone, cod ma non mi sono mai sognato di prendere a fucilate le persone per strada.

L'ignoranza è una colpa e questi personaggi invece di paventare teorie dalla dubbia validità farebbero meglio a cambiare lavoro.


  • 1

Mio blog personale:videogames, tecnologia,serie tv,film, viaggi, sport.

 

https://paoloamoresano.wordpress.com/


#703 AngelDevil

AngelDevil
  • Utenti
  • 20658 messaggi

Inviato 08 December 2017 - 03:57

Durante i Game Awards 2017, Bethesda ha lanciato una campagna dai toni umoristici a difesa del single player, in risposta alle recenti tendenze dell'industria che sembrano voler privilegiare il comparto multigiocatore.

 

Come potete vedere nel filmato, Bethesda ha lanciato la campagna #SavePlayer 1, un'iniziativa dai toni divertenti che vuole proteggere la figura dei giocatori che amano il single player. Con l'occasione, la compagnia ha citato titoli come DOOM, Fallout 4, The Elder Scrolls V: Skyrim e Prey, facendo notare l'impegno del publisher a sostenere questo tipo di esperienze.

 


Messaggio modificato da AngelDevil, 08 December 2017 - 04:15

  • 0

Lone+Wolf+X0.png


#704 Hulong Zhan Shi

Hulong Zhan Shi
  • Utenti
  • 11259 messaggi

Inviato 08 December 2017 - 09:14

Lode a Bethesda che non si scoraggia e tenta comunque per i singleplayer nonostante l'andazzo del mercato, peccato solo che prey, evil within 2 e wolfenstein 2 abbiano venduto meno del dovuto, la cosa strana è che sono tutti capolavori assoluti e tra i migliori SP della generazione.

Io per sostenerli, li ho comprati tutti al Black Friday :asd:

Best publisher ever

Messaggio modificato da Hulong Zhan Shi, 08 December 2017 - 09:15

  • 0
Immagine inseritaImmagine inserita

#705 AngelDevil

AngelDevil
  • Utenti
  • 20658 messaggi

Inviato 18 December 2017 - 21:25

Il 2017 sta per finire, ed è tempo di tirare le somme di quella che si è rivelata un'annata ricchissima. La redazione di Polygon lo ha già fatto e ha stilato la classifica con i 50 migliori giochi usciti nel corso degli ultimi 365 giorni. Davanti a tutti, c'è The Legend of Zelda: Breath of the Wild.

 

A seguire la top 50 al completo:

  1. The Legend of Zelda: Breath of the Wild
  2. Playerunknown's Battlegrounds
  3. Super Mario Odyssey
  4. NieR: Automata
  5. Resident Evil 7 biohazard
  6. Persona 5
  7. Prey
  8. Horizon Zero Dawn
  9. Everything
  10. Wolfenstein II: The New Colossus
  11. Butterfly Soup
  12. Destiny 2
  13. What Remains of Edith Finch
  14. Cuphead
  15. Assassin's Creed Origins
  16. West of Loathing
  17. XCOM 2: War of the Chosen
  18. Lone Echo
  19. Gravity Rush 2
  20. Fire Emblem Heroes
  21. The Evil Within 2
  22. Pyre
  23. Night in the Woods
  24. Hellblade: Senua's Sacrifice
  25. Blackwood Crossing
  26. Emily is Away Too
  27. Little Nightmares
  28. DiRT 4
  29. Sonic Mania
  30. Metroid: Samus Returns
  31. Ys 8
  32. Rakuen
  33. Mario + Rabbids: Kingdom Battle
  34. Another Lost Phone
  35. Gorogoa
  36. Getting Over IT
  37. Universal Paperclips
  38. Last Day of June
  39. Please Knock on My Door
  40. ARMS
  41. Hidden Folks
  42. Nioh
  43. Splatoon 2
  44. Yakuza 0
  45. The Sexy Brutale
  46. Observer
  47. Uncharted: The Lost Legacy
  48. Snipperclips
  49. Madden NFL 18
  50. Mortician's Tale

  • 0

Lone+Wolf+X0.png


#706 AngelDevil

AngelDevil
  • Utenti
  • 20658 messaggi

Inviato 22 December 2017 - 18:42

La "dipendenza da videogiochi" per la prima volta verrà inserita nell'International Classification of Diseases, la classificazione internazionale delle patologie. La World Health Organisation ha effettuato l'ultimo aggiornamento del documento nel lontano 1990 e in occasione della prossima versione 2018 ha deciso, fra le novità, di dare spazio anche a questo fenomeno emergente.

 

Non è ancora chiaro quale sarà l'esatta definizione, ma secondo New Scientist verranno indicati comunque tutti i criteri per determinare se qualcuno è afflitto dalla patologia. Ad esempio la priorità del gioco rispetto a qualsiasi interesse nella vita, l'inabilità al controllo dei tempi, l'ignorare ogni conseguenza negativa, etc. Nella bozza si parla di un inserimento nella categoria "disordini dovuti ad un comportamento dipendente", come per esempio i malati di giochi d'azzardo.

 

Vladimir Poznyak, un membro del Department of Mental Health and Substance Abuse del WHO, ha spiegato che i professionisti hanno bisogno di poter essere messi in condizione di riconoscere tutti i sintomi poiché i rischi per la salute sono gravi. "La maggior parte delle persone che giocano ai videogiochi non hanno un disturbo, così come la maggior parte di quelle che bevono alcolici. Però, in alcune circostanze l'abuso può portare ad effetti collaterali".


  • 0

Lone+Wolf+X0.png


#707 AngelDevil

AngelDevil
  • Utenti
  • 20658 messaggi

Inviato 28 December 2017 - 14:42

Digital Foundry ha passato il 2017 analizzando una marea di giochi e ovviamente ha incontrato progetti particolarmente interessanti dal punto di vista tecnico. Non si tratta semplicemente di pura potenza ma anche di titoli che spiccano per alcune particolarità e che per questo meritano una menzione d'onore all'interno di una classifica pensata appositamente per questo motivo.

 

Quest'oggi vi proponiamo la classifica dei giochi tecnicamente più impressionanti del 2017. Ecco la top 7 del Digital Foundry con tanto di breve descrizione delle qualità migliori di ogni singolo gioco (vi rimandiamo al video per tutti i dettagli):

  1. Horizon Zero Dawn - il più impressionante gioco del 2017. Decima Engine fantastico in tantissime aree. Mondo molto vasto con biomi diversi e una grande qualità sotto ogni aspetto. Piante, neve, simulazione delle nuvole tutto a un livello ottimo così come le animazioni e i modelli. Dettaglio delle texture molto alto con vari effetti post-process implementati. Ci sono difetti ma generalmente è tutto impressionante. Complessivamente una scelta naturale per il premio di gioco tecnicamente più impressionante dell'anno.
  2. Assassin's Creed Origins - mondo molto vasto e dettagliato. Fantastica illuminazione. Acqua generalmente ottima e supporto sia per PS4 Pro che per Xbox One X. Fantastico da vedere, uno degli open-world più belli da vedere mai creati.
  3. The Legend of Zelda: Breath of the Wild - grande traguardo tecnico considerando anche l'hardware su cui gira e le cose che permette di fare. Un open-world molto vasto e ampiamente interattivo. Nuvole dinamiche che creano ombre sul terreno. Anche l'illuminazione dinamica ottima così come il meteo. Potrebbe essere il gioco migliore della storia di Nintendo tecnicamente parlando.
  4. Claybook - materiale argilloso che si modifica in maniera realistica e credibile in base alle azioni del giocatore. Simulazione dei fluidi realistica. Tutto è molto malleabile esattamente come l'argilla.
  5. Gravity Rush 2 - tecnologia e art direction. Isole molto grandi e con molti oggetti distruttibili gestiti da una fisica che reagisce a ciò che accade sullo schermo. Cloud system anche fantastico da vedere. Uno dei migliori supporti su PS4 Pro.
  6. The Surge - engine proprietario flessibile e di ottima qualità. Sistema particellare avanzato e molti altri effetti ottimi. Un gioco molto lungo e ampio solo in 6 GB di spazio e anche i tempi di caricamento sono molto bassi. È fantastico vedere un engine in house come il Fledge Engine fare così bene anche rispetto ai motori più blasonati.
  7. Nex Machina - stage dettagliati e completamente distruttibili. Particellari, fisica, illuminazione e ombre dettagliate il tutto a 60 fps anche su PS4 base.

 


Messaggio modificato da AngelDevil, 28 December 2017 - 14:44

  • 0

Lone+Wolf+X0.png