Vai al contenuto


mommox

Registrazione 31 Oct 2008
Offline Ultima Attività Ieri, 22:50
****-

#1411373 Duke Nukem Forever su x360!

Inviato da mommox in 22 June 2011 - 19:35

difatti qui non si criticava il fatto che Duke NON PIACESSE, perchè può anche non piacere ovviamente

si criticavano le critiche (scusate per il giro di parole) verso grafica e gameplay... sul lato grafico perchè ci sono titoli graficamente obsoleti che sono grandi titoli ugualmente, e sul lato gameplay perchè quello è il gameplay che doveva avere

poi se a uno non piace amen, mica si può obbligare la gente a farselo piacere...

il punto era solo: è inutile continuare a dire "è un gioco vecchio", "il gameplay è troppo old school" ecc... è come andare nel topic di Dynasty Warrior (visto che lo si è citato) a dire "Il gameplay è troppo ripetitivo", "i nemici sono stupidi" ecc.

ma è così che deve essere!!!

premetto, io di Duke ho giocato solo la demo... ma cavolo, pad alla mano, tralasciando la grafica, mi è subito tornato in mente il vecchio Duke Nukem 3D... e, per me che con quell'fps ci son cresciuto, altro che 70 euro... se potessi ne spenderei pur di più ._.
  • 1


#1409133 The Witcher 2-Assassins Of Kings

Inviato da mommox in 18 June 2011 - 20:06

Effettivamente il bello di questo gioco è che non c'è mai una scelta giusta o sbagliata, ed è molto difficile prendere certe decisioni, a differenza di giochi come ME dove è ben indicato quale scelta porta a quale conseguenza (se buona o malvagia).

Io sono appena all'inizio del primo capitolo (ci gioco poco al momento causa studio e problemi di temperature .-. -pure il procio ora mi da problemi, che palle) ma già si nota una maturità e una complessità introvabile in altri RPG...
  • 1


#1408247 Che gioco compro?

Inviato da mommox in 17 June 2011 - 10:53

Crysis 2 è sicuramente il top graficamente parlando, io andrei su quello se sei proprio "malato" della grafica

o perchè no, Deadly Premonition XDXDXD
  • 1


#1405054 Resident Evil 6

Inviato da mommox in 13 June 2011 - 11:56

perchè esiste, anche se su binari ._. (e più d'uno)
  • 1


#1400591 Che gioco compro?

Inviato da mommox in 07 June 2011 - 19:28

é "horror" perchè a conti fatti la maggior parte dei nemici sono mutanti, ghoul, bestie giganti, ecc.

e perchè almeno in Fallout 3 si va molto spesso in sotterranei/fogne e li è buio, ed è pieno di mostri vari

però di base non è horror... ha solo componenti horror XD

perchè giocarlo? bè, è un RPG free-roaming che ti dura anche 300 ore o più (a Fallout 3 ho giocato 300 ore circa, a new vegas 80 mi pare)... puoi modellare come vuoi il personaggio (aspetto incluso), finire le quest in più modi, esplorare la mappa in lungo e in largo ecc...
  • 1


#1393773 L.A. Noire

Inviato da mommox in 31 May 2011 - 18:44

Io però non capisco come si faccia a dire che è troppo guidato... con quante stelle finite i casi? Come li finite?

Perchè pure io se vado alla "****" il caso lo finisco comunque, ma male ._.
  • 1


#1390664 Adam Kadmon

Inviato da mommox in 26 May 2011 - 14:47

Si ma capite che non ha minimamente senso tutto ciò?

Lo dice PURE LUI che sono tutte teorie e di non credergli così, sulla parola, ma di documentarsi.

Detto questo, non vedo perchè "attaccarlo" .____.
  • 1


#1389187 Gioventù Ribelle

Inviato da mommox in 24 May 2011 - 17:01

Come ho già detto (e non solo io) ci sono tantissimi titoli sviluppati da normalissimi ragazzi senza esperienza che, grazie ai relativi tools usati (in questo caso l'Unreal Toolkit), sanno creare veri e propri capolarovi.

Veder "valorizzato" dal governo sta roba e veder invece reglegati su siti più o meno anonimi veri e propri capolavori (che fortunatamente poi, riconosciuti dall'utenza, vengono messi in luce come tali), mi fa proprio girare.

Il fatto di essere inesperti in materia non è una scusante, non quando l'obiettivo e presentare un titolo che deve rendere omaggio alla storia di una nazione.

In quel caso potevano benissimo dire "scusate signori ma questo gioco è una cosa "for fun", non prendetela seriamente e non fateci pubblicità". Così non è stato e per quanto mi riguarda si possono (e devono) prendere tutte le critiche del caso.

Se han criticato il gioco pure dei siti/riviste specializzati, non vedo perchè non possa farlo anch'io da semplice videogiocatore.
  • 1


#1389071 Gioventù Ribelle

Inviato da mommox in 24 May 2011 - 14:57

Ma da quando criticare un gioco è andare contro lo stato?

Io manco lo sapevo inizialmente che era stato appoggiato dal governo sto gioco ._.

Anzi, BEN VENGA se lo stato appoggia certe iniziative.

Ma è proprio il gioco (alfa o prealfa o quello che volete) a fare pena... non posso proprio lodare una cosa simile, con tutte le buone intenzioni... è come se pretendessi che qualcuno mi dicesse "bravo" perchè ho fatto un bel disegno. Incompleto, fatto male, senza colori... ma comunque l'ho fatto io e non Picasso e allora sono bravo.
  • 1


#1388836 Gioventù Ribelle

Inviato da mommox in 24 May 2011 - 10:29

sta di fatto che il papa coi superpoteri resterà nella storia XD
  • 1


#1388408 Rumor: prime immagini per Grand Theft Auto 5

Inviato da mommox in 23 May 2011 - 17:09

Se si tornasse a Vice City... io "Sbo'" ._.
  • 1


#1383719 Brink

Inviato da mommox in 16 May 2011 - 06:03

Sto leggendo un po' di recensioni e se da un lato mi ispira, dall'altro mi lascia interdetto il fatto che sia veramente corto (così dicono) anche nel comparto online... livello massimo 20, gli sbloccabili si prendono molto velocemente, solo due modalità...

Per un gioco che, a quanto ho capito, fa dell'online il suo punto di forza, mi sarei aspettato di più sotto questo versante...
  • -1


#1383663 Brink

Inviato da mommox in 15 May 2011 - 21:28

guarda io ormai i giochi multi li prendo solo su 360... visto che ho lo stesso tuo problema ._. (poca gente che gioca online su ps3 tra quelli che ho in lista amici)

comunque sto brink mi lascia interdetto... premetto che se lo dovessi prendere sarebbe per pc... ma poi, è davvero così essenziale il gioco di squadra? Io sono parecchio solitario (o comunque voglio un gioco che mi dia la possibilità di scegliere se giocare da solo o in team, come BBC2)

non concordo molto con l'utente che ha detto che, visto che premia la cooperazione, ci giocheranno "pochi ma buoni" intendendo che un giocatore è "migliore" se gioca in team e non da solo.

imo, uno può essere un bravissimo giocatore anche se sa giocare in solitaria... anzi, visto che esistono i leecher e che in alcuni giochi il solitario è pure svantaggiato (tipo ArmA) in alcune occasioni... io direi che dipende semplicemente dai gusti, non dalla bravura ._.
  • 0


#1382804 Il Topic dei Film

Inviato da mommox in 13 May 2011 - 22:32

Il 18 io mi catafiondo (esiste? ._.) in cinema per vedere PotC4...

Poi ho trovato sta song sul tubo che non mi va fuori dalla testa...


  • 1


#1381714 [XBLA] I migliori giochi Arcade

Inviato da mommox in 12 May 2011 - 15:01

Tiro un po' le somme sui XBLA che ho comprato, dall'inizo ad oggi (salto quelli gratis tipo Dorito's):

N.B.: ci saranno alcuni 10/10. Ricordo che il voto è puramente soggettivo, e si riferiscono al fatto che siano per me i migliori "al momento" di quel genere, non necessariamente che siano giochi perfetti in assoluto.

Dead Rising 2: Case Zero

Si tratta dell'episodio "prequel" del titolo Capcom Dead Rising 2.
Graficamente è un buon titolo, nonostante non sia ai livelli del gioco "completo".
La durata è di una manciata di ore, che si prolunga grazie alla rigiocabilità data dal completare i vari obiettivi (quasi impossibili da ottenere al 100% in un solo playtrough).
Il costo irrisorio (se non ricordo male, 400mp) lo fa apparire come un qualcosa "in più" di una demo, e può garantire qualche momento di sano divertimento, contenendo in fondo tutte le meccaniche del gioco retail.
Nonostante ciò però è un gioco che non offre altro che un assaggio di ciò che poi è DR2 e, a causa della sua durata a tempo (come del resto a tempo è anche il titolo originale), la breve durata viene ulteriormente accentuata.

Voto: 7.5/10


Castlevania Symphony of the Night

E' il porting esatto del titolo uscito su PSOne, al quale sono stati aggiunti degli achievments e la possibilità di utilizzare due diversi tipi di stile grafico ("old" e "new", ovvero senza e con Anti Aliasing).
Gioco difficile e lungo, è forse uno dei migliori titoli disponibili sul Live, nonchè forse il miglior Castlevania 2D in circolazione.
La rigiocabilità è moderatamente alta, poichè il titolo ha diversi finali e ci vuole una sana dose di pazienza e perseveranza per completarlo oltre all'ormai "storico" sorpasso del 100% (molti titoli della serie possono essere completati, ad esempio, al 200%... il come lo lascio scoprire a voi).
L'unica pecca è che la vecchiaia si fa, almeno in parte, sentire: lo stile grafico "new", per quanto aprezzabile sia lo sforzo di aver almeno tentato di "limare" le scalettature, non soddisfa tutti i palati, men che meno quelli appartenenti a possessori di TV Full-HD sulle quali si noteranno maggiormente tutti i difetti.
Non avrebbe guastato l'uso di uno stile in HD (similmente a quello usato in Harmony of Despair) portandolo a livelli artistici più alti.
Unico neo che lo allontana dalla perfezione, anche visto il prezzo decisamente basso: 800mp (in sconto proprio in questi giorni a soli 400mp).

Voto: 9/10


Limbo

Più che un gioco, Limbo è un'esperienza.
Graficamente è un titolo cupo, che vanta un campionario di colori minimo (unicamente scale di grigi), ma che riesce a infondere una sensazione unica nell'animo del giocatore.
Il genere è quello dei "puzzle game", o meglio, il compito del giocatore è quello di guidare l'anonimo personaggio del gioco attraverso una landa desolata, abitata unicamente da misteriose creature che raramente si faranno però vedere, superando vari enigmi (di origine ambientale e fisico).
La rigiocabilità, come in tutti i giochi di questo tipo, è praticamente pari a 0: una volta venuti a conoscienza della risoluzione dei "puzzle" diventa quasi inutile ricominciare il gioco, se non per riviverne l'atmosfera o per tentare di sbloccare gli achievment, fortunatamente "ragionati" per invogliare il giocatore a tuffari nuovamente nel mondo di Limbo.
Infatti, tra gli obbiettivi del gioco, troviamo il classico "finiscilo senza mai morire" (cosa tutt'altro che facile) sino a richieste di esecuzioni "paritcolari" (ovvero eseguire delle azioni nel gioco in una data maniera, piuttosto che in un'altra).
Purtroppo la durata di gioco è minima (circa due ore e mezza) e il costo, forse, non è esattamente al livello dell'intrattenimento offerto (1200mp).

Voto: 8/10


Shadow Complex

Shadow Complex è stato il primo gioco a sfruttare in maniera eccelsa l'ormai stranoto Unreal Engine.
Si tratta di uno shooter-adventure a scorrimento (in una mappa che ricorda quelle della serie Metroid, in quanto le aree sono "liberamente" esplorabili sia in orizzontale che in verticale e vengono sbloccate a seconda dei "power-up" acquisiti nel corso della storia), condito da una trama banale ma perfetta per il tipo di gameplay, e da un doppiaggio interamente in italiano.
Il gioco è lungo, mai troppo frustrante (per quanto in alcuni punti possa risultare difficile) grazie alle numerose save room sparse per la mappa.
Ci sono molti oggetti raccoglibili e potenziamenti che andranno a sbloccare anche degli obbiettivi e a rendere la vita più facile al giocatore durante l'avventura (similmente alla serie Metroid, già citata, si potranno sbloccare potenziamenti per portare con sè più granate, o miglioramenti della salute).
Come detto prima, la resa grafica è semplicemente spettacolare per il genere di gioco (ricordo che è un XBLA) e tutt'ora è uno dei migliori giochi (anche visivamente) disponibili sul Live.
Non riesco a trovare un difetto in questo gioco: nel suo genere è sicuramente il migliore disponibile sul marketplace.

Voto: 10/10


Castle Crashers

Uno dei primissimi giochi usciti sul marketplace ed anche uno dei migliori giochi a scorrimento disponibili tutt'ora.
Castle Crasher è un gioco molto colorato, con uno stile grafico "cartoonesco" e super-deformed.
La tipologia è quella dei "picchiaduro" a scorrimento, dove il giocatore deve farsi strada attraverso bande di nemici a furia di arma bianca, arco e magie (diverse a seconda del personaggio scelto), potendosi spostare solo lungo l'asse orizzontale o in profondità (i salti ci sono, ma le mappe non si sviluppano in verticale come in Castlevania).
Il gioco è estremamente divertente, lungo (a causa dei tanti personaggi da "livellare" e del gran numero di armi e "pet" da sbloccare) e difficile in alcuni punti.
Il gioco da però il meglio di sè nell'online, grazie alla co-op fino a 4 giocatori, risultando di contro un po' frustrante in certe occasioni durante il single player.
Considerando la sua "età" e che al momento non ci sono altri giochi a scorrimento che lo abbiano superato, il voto finale, per quanto minato dal divario di divertimento tra SP e co-op, è pienamente meritato.
Il prezzo forse è un po' alto (1200mp), ma se giocato con degli amici ne vale sicuramente la pena.

Voto: 8.5/10


Super Street Fighter 2 Turbo HD

La serie di Street Fighter non mi è mai piaciuta molto, è giusto che lo dica.
Ho sempre trovato il gameplay del gioco poco accessibile alla nuova utenza, e la curva di apprendimento (ad esempio nella story mode) eccessivamente alta.
Nonostante questo, sono partito con le migliori intenzioni giocando a questo gioco, trovandomi però a dovermi ulteriormente convincere delle mie idee.
Non critico in questa recensione il tipo di gameplay, conscio che a qualcuno piaccia questo stile "over-hardcore", bensì il fatto che in questo particolare capitolo/trasposizione i controlli siano decisamente "laggosi".
Non è una cosa che ho notato solo io purtroppo ma in un gioco dove è già difficile far entrare una combo, il fatto che i controlli stessi siano mal calibrati o con ritardo nelle risposte non aiuta minimamente.
Non sindaco sul prezzo (anche perchè l'ho avuto gratuitamente comprando l'XBOX Red Elite di RE5), ma la qualità finale del titolo mi è parsa decisamente bassa.

Voto: 5/10


Super Meat Boy

Super Meat Boy è forse il titolo che di più vi farà convincere che Dio non esiste e che il calendario di Padre Pio è un'indispensabile accessorio da tenere a portata di mano in caso siate a corto di nomi di santi da pronunciare invano.
E' un titolo estremamente difficile, adatto solo a chi ha un animo da masochista e non ha paura di ripetere un singolo schema dalle 10 alle 500 volte.
Questo lo rende un pessimo gioco?
NO!
Nonostante la difficoltà veramente folle, il gioco vi farà venir letteralmente voglia di finire ogni singolo livello con il voto A+ solo per poter gridare al mondo: "L'ho finito, e ora andatevene tutti a fancu...!".
Si tratta di un platform-game unico nel suo genere.
Vi troverete a guidare un ometto di carne sanguinolenta (da cui il nome "Meat Boy") attraverso livelli irti di lame rotanti, buche profondissime e cascate di lava e sale (il sale fa male sulle ferite, figuriamoci se non avete la pelle! Ahia! +_+) il tutto per salvare la vostra consorte, rapita da... un feto all'interno di un esoscheletro robotico in frack ._.
Ci sono tantissimi livelli, in continuo aggiornamento gratuito, ognuno più folle e frenetico dell'altro.
Inoltre è possibile sbloccare un vasto numero di personaggi ognuno dotato di abilità peculiari (c'è adirittura l'ometto di Minecraft!!!) che vi consentiranno di completare i livelli in maniera più agevole (o meno, a seconda del personaggio scelto).
Insomma, se non avete paura delle sfide e soprattutto non temete la scomunica, sappiate che i 1200mp di spesa saranno ben ripagati, anche grazie alla simpaticissime cut-scene che vi strapperanno più di un sorriso.
Altrimenti, tornate a giocare a Super Mario.

Voto: 10/10


Lara Croft: The Guardian of Light

In primis: scordatevi di giocare a un Tomb Rider. Notate che nel titolo c'è scritto "Lara Croft".
In secundis: se vi fermate a criticare il primo punto siete solo dei nabbi.
Lara Croft:GoL è un action-adventure con visuale isometrica dall'alto (alla Diablo per intenderci), ricco di azione, esplorazione ed enigmi.
La grafica è stupefacente, dettagliata e con ottimi effetti di luce e il gameplay è intuitivo e complesso al tempo stesso.
In questo episodio "spin-off" Lara dovrà salvare il mondo a causa della liberazione di un antico spirito malvagio (i soliti mercenari idioti che fanno il danno); per farlo verrà aiutata da Totnec, un eroe Azteco che si ridesterà dal suo sonno millenario per spalleggiare la nota eroina.
Purtroppo nel single player Totnec non scenderà mai in campo per aiutarci, mentre nella co-op multiplayer sarà impersonato dal secondo giocatore.
La durata è buona (4 o 5 ore), la quale si allunga ulteriormente grazie alle sfide bonus da completare in ogni livello e al numero di raccoglibili per potenizare Lara.
Come DLC sono inoltre disponibili sfide extra e costumi alternativi (Kaine e Lynch dell'omonimo gioco e Raziel e Kain dalle serie Blood Omen e Soul Reaver), sia a pagamento (un po' carucci) che gratuiti.
Il gioco costa 1200mp, ma li vale tutti... l'unico difetto che lo allontana dalla perfezione è l'eccessiva ripetità degli scenari (o meglio, dello "stile") e la poca varietà di nemici e situazioni.

Voto: 9/10


Magic: The Gahtering - Duels of the Plainswalker

Gioco che ripropone le meccaniche dell'omonimo gioco di carte della Wizard of the Coast.
Non c'è molto da dire in merito, se non che il gioco offre numerose sfide contri cosiddetti "Plainswalker" (eroi presenti nel "mondo" di Magic, disponibili anche in forma cartacea e giocabili nella realtà) tramite l'uso di alcuni mazzi pre-impostati e solo (purtroppo) minimamente modificabili.
Il gioco in sè sarebbe anche perfetto, sia per i novizi che per i giocatori più esperti, se non fosse che è stato eliminato quasi in toto l'aspetto fondamentale dei giochi di carte collezionabili: la customizzazione.
Difatti i mazzi si possono unicamente ampliare tramite apposite carte vinte ma non si possono creare mazzi da 0 e comunque il numero di carte disponibili per "upgradare" ogni mazzo è minimo (una quindicina) e sono tutte applicabili unicamente al mazzo al quale sono associate.
Fortunatamente è un gioco comunque valido, che dispone anche di una componente online fino a 4 giocatori, sia in team match che in tutti vs tutti, tutt'ora giocata (ma a breve uscirà il seguito del gioco e forse non sarà più così giocata).
A causa dell'assenza della customizzazione, il voto finale ne risulta pesantemente penalizzato... nonostante questo, il gioco risulta essere più che sufficiente, grazie all'intergaccia grafica pulita, all'online, e al gameplay che rispetta in toto quello originale.

Voto: 7.5/10


Outland

Prendete Limbo, i vecchi sparatutto a scorrimento, un pizzico di Castlevania e Shadow of the Colossus ed avrete... qualcosa che si avvicina ad Outland.
Outland è un gioco magico, un action adventure che richiede prontezza di riflessi e perseveranza.
La trama è semplice: due dee, Luce e Ombra, hanno creato il mondo millenni fa, decidendo poi di distruggerlo.
Un'eroe riuscì ad imprigionarle in un sonno eterno ma ora si sono risvegliate e hanno intenzione di completare l'opera.
Qui nascerà un nuovo eroe che dovrà nuovamente sconfiggere le due dee sfruttandone i poteri (l'insegnamento è che nè Luce nè Ombra sono per forza l'una buona e l'altra cattiva. Dipende dall'uso che ne viene fatto).
Lo stile grafico gioca in maniera sublime con la luce e le ombre, similmente a Limbo ma aricchendolo anche di qualche tocco di colore (prevalenti il rosso e il blu che indicano anche il tipo di attacchi nemici), creando un colpo d'occhio unico nel suo genere.
Il giocatore, man mano che prosegue nella storia, può sbloccare dei potenziamenti per il personaggio tra cui il suo potere fondamentale: il poter cambiare la propria "essenza" in Luce o Ombra.
Tramite il tasto RB infatti si può switchare in un istante tra il potere della Luce (Blu) e dell'Ombra (Rosso), il quale serve per contrastare i nemici presenti nel gioco.
Ad esempio, se di fronte a voi avete un ragno color Blu, dovrete usare il potere dell'Ombra (Rosso) per poterlo ferire; in caso contrario vi trovereste a colpirlo senza infliggerli alcun danno.
Un altro esempio, che ci riporta agli sparatutto a scorrimento, è il fatto di poter assorbire dei "proiettili" sparati sia da alcuni nemici, sia da strutture fisse nell'ambiente, a seconda del loro colore. Difatti, usando il potere del colore corrispondente a quello dei proiettili sparati, sarete in grado di assorbirli evitando di subire del danno.
Quindi diventa fondamentale eseguire con rapidità e accuratezza il cambio di potere durante il gioco: se all'inizio avrete tutto il tempo di pianificare i cambi, già dopo qualche schema vi troverete a dover evitare rose di proiettili e colori che vi colpiranno da ogni direzione.
Fortunatamente il gioco offre numerosi checkpoint e salvataggi automatici ad ogni inizio livello, rendendo così il gioco difficile ma mai frustrante.
Gli scontri con i boss (i guardiani) sono altrettanto impegnativi e ricordano quelli di Shadow of the Colossus (in quanto dovrete sfruttare o il corpo del guardiano per arrampicarvi, o piattaforme dell'ambiente circostante).
Il gioco presenta delle sfide in co-op sbloccabili trovando i relativi portali nei livelli (liberamente esplorabili e nei quali andranno cercati degli elmi e dei vasi da rompere usando i vari poteri che si sbloccano nel corso del gioco).
Una delle più belle sorprese dell'anno e visto il prezzo, 800mp, è veramente imperdibile.

Voto: 10/10


Torchlight

Dai creatori di Diablo ecco rilasciato il porting della versione PC di uno dei più particolari hack'n'slash usciti.
Torchligt fa del looting la sua filosofia di vita, unendo le meccaniche tipiche del genere ad uno stile grafico che strizza l'occhio a un'altra serie storica della Blizzard, ovvero Warcraft.
Tre classi disponibili (guerriero, mago, ladra), dungeon generati casualmente (con l'unica pecca che a un certo punto il giocatore si ritrova a riconoscere le varie zone degli stessi), orde di nemici e un'infinità di oggetti da ottenere lo rendono un gioco estremamente divertente e, a conti fatti, "addictive".
Il gioco non è però esente da pecche: nonostante lo sforzo fatto per renderlo il più giocabile possibile tramite il pad, il sistema di puntamento dei nemici è leggermente "ballerino" in quanto il personaggio attacca similmente a un qualsiasi action con visuale dall'alto (ovvero attacca nella direzione in cui è rivolto), ma l'algoritmo che sceglie il nemico a cui vengono applicati i danni all'interno del "cono frontale" del personaggio a volte li distribuisce in maniera non propriamente perfetta (soprattutto col lancio delle magie che a volte vanno a vuoto nonostante sia direzionato proprio contro il nemico).
Nonostante questo minimo difetto, Torchlight vanta una longevità che varia dalle 8 sino alle 30 ore a seconda del compimento o meno delle subquest e soprattutto della voglia di livellare e "vestire" il proprio personaggio grazie ai loot dei nemici.
Purtroppo va fatto notare che il gioco è interamente in inglese (sottotioli e menù inlcusi), similmente alla versione pc, e che non presenta una componente multiplayer che sarebbe invece risultata perfetta a causa dello stile di gioco decisamente "Warcraftiano" (o WoWiano, che dir si voglia) che sembra invece in procinto di essere inserita in Torchlight 2, per ora in sviluppo unciamente su computer.
Il costo è di 1200mp che sono giusti visto comunque la qualità del gioco finale.
p.s. se per voi l'inglese è un problema, togliete pure un punto al voto finale. Io che con l'inglese ci vado a nozze, non lo tengo in considerazione XD

Voto: 8.75/10
  • 1