Vai al contenuto

Alan Wake - parliamo della storia


Messaggi raccomandati

Allora per come l'ho capita io:

 

Alan viene attratto a Bright Falls dal dottor Hartman che tiene una clinica per artisti. Questi servono alla presenza oscura per manifestarsi.

La presenza decide di rapire Alice per dare un motivo ad Alan per scrivere.

Nella prima settimana fa il gioco della presenza ma quando si accorge dove va a parare introduce il personaggio di Tom.

Tom in realtà lo conosce perché si è inserito nei suoi sogni già da tempo mostrandogli l'oscurità e la salvezza nel faro.

Tom aveva scritto dell'arrivo di Alan e della sua lotta contro Barbara, da qui Alan ha scritto il "come".

Sarah e Berry in realtà non esistono (cioè magari esistono ma nel gioco sono solo il frutto del romanzo) per questo alla fine non ricompaiono.

La poliziotta bionda è la vera poliziotta di Bright Falls.

 

È tutto giusto tranne la parte che ho evidenziato in grassetto e diciamo che il motivo per cui Alan va a Bright Falls non è del tutto corretto.

 

Alan va a Bright Falls grazie ad Alice che insiste per fare una vacanza lì. Alice insiste particolarmente per Bright Falls perchè sa della famosa clinica del Dtt Hartman e se diamo per buona la registrazione che troviamo nel gioco, Alice e il Dtt Hartman avevano già avuto una conversazione prima ancora che loro andasserò li per la vacanza. Tutte queste vicende però volgono alle volontà di Thomas Zane, il quale scrisse che Alan, grazie al Clicker avrebbe sconfitto Barbara; quindi era implicito che in qualche modo Alan doveva raggiungere Bright Falls.

 

Sarah e Barry esistono realmente e non si sa che fine fanno. La poliziotta bionda che inquadrano nel filmato finale è l'agente Grant, che si vede passeggiare sul marciapiede davanti la tavola calda Oh Deer, nel I Capitolo, quando con Alan stiamo per tornare in macchina e ci scambiamo due chiacchiere nel II Capitolo nella stazione di Polizia. Dopo esser stati visitati dal Dottor Nelson, nell'atrio principale della stazione di Polizia, troviamo Cynthia Weaver (La signora delle Luci) che si lamenta con la poliziotta alla Reception, chiamandola agente Grant, per il malfunzionamento delle luci. Dopo che la Weaver se ne va, se andate alla Reception la poliziotta Grant vi darà qualche informazione sulle strane manie di Cynthia Weaver e poi vi dirà che lo Sceriffo Sarah Breaker vi sta aspettando nella sua stanza!

Modificato da Seyren Byleth
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
  • Risposte 122
  • Creato
  • Ultima Risposta

Miglior contributo in questa discussione

Miglior contributo in questa discussione

Ho terminato ieri il gioco.

Da quel che ho capito sul finale Alan Wake è riuscito a salvare Alice cambiando la storia, ma è rimasto intrappolato nel cottage che sembrerebbe essere situato in un oceano o in un'altra dimensione, è così?

Inoltre resta appesa la questione riguardante l'agente Nightingale.

 

A breve continuerò a leggere il libro, finora ho letto le prime 50 pagine circa dato che ancora non avevo finito l'avventura.

 

A proposito di oceano, all'inizio del gioco , quando la luce ci aiuta e più precisamente quando ci fa comparire la scala per scendere ( prima di darci pistola e torcia e insegnarci a combattere l'oscarutià) , si sente una voce surrurrare cose incomprensibili tipo " sulle rive di un oceano,sulle rive di un oceano".

Qualcuno lo ha notato? Può significare qualcosa?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite M.Dragon
A proposito di oceano, all'inizio del gioco , quando la luce ci aiuta e più precisamente quando ci fa comparire la scala per scendere ( prima di darci pistola e torcia e insegnarci a combattere l'oscarutià) , si sente una voce surrurrare cose incomprensibili tipo " sulle rive di un oceano,sulle rive di un oceano".

Qualcuno lo ha notato? Può significare qualcosa?

Si infatti la luce da quel che ho capito dice che sotto il lago c'è un oceano che vive.

Che Alan Wake sia rimasto intrappolato nel cottage che in realtà si trova in un altra dimensione negli abissi di un oceano?

 

Non ho capito una cosa riguardante la coppia Barbara e Thomas:

Barbara muore in passato e Thomas per farla tornare in vita scrive la storia, giusto?

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Si infatti la luce da quel che ho capito dice che sotto il lago c'è un oceano che vive.

Che Alan Wake sia rimasto intrappolato nel cottage che in realtà si trova in un altra dimensione negli abissi di un oceano?

 

Non ho capito una cosa riguardante la coppia Barbara e Thomas:

Barbara muore in passato e Thomas per farla tornare in vita scrive la storia, giusto?

 

Non proprio, Thomas e Barbara vissero nel Cottage a Cauldron Lake e quando Thomas scoprì il Potere del Lago di far avverare le cose che scriveva, ne fu eccitato e iniziò ad abusare di questo potere. Quando si rese conto della malvagità che scaturiva da questo lago decise di smettere ma Emil Hartman (che lavorava insieme a Thomas) non avendo le doti di un gran scrittore, convinse Thomas a continuare a scrivere perchè lui stesso non era in grado di sfruttare questo potere (è per questo che decise di creare la Clinica per artisti, invece di diventare un grande scrittore). Barbara essendo la musa di Thomas, se non ricordo male venne inghiottita dall'oscurità del Lago e quando ritornò da Thomas era malvagia (cit di Thomas: Il suo cuore era pieno di Oscurità), così glielo strappo dal petto (ecco perchè il buco nel petto di Barbara) e poi, attraverso il potere del manuscritto cercò un modo per rimediare a tutto quanto, ma non ci riuscì del tutto e la presenza oscura prese il volto di Barbara per manifestarsi; così Thomas, per far fronte in un futuro all'oscurità, inserì nel suo Manoscritto il Clicker ed una donna (Cynthia Weaver) incaricata di proteggerlo e di preparare Bright Falls alla battaglia contro l'oscurità, lasciando in vari punti strategici le famose Casse piene di munizioni che troviamo lungo i sentieri della Foresta.

 

n.b ci può essere qualche imprecisione.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Una cosa è certa... a livello di trama questo gioco spacca di brutto.

Avessero messo più enigmi scervelotic alla silent hill 1 sarebbe stato il thriller psicologico perfetto.

Davvero splendido

Modificato da skise
http://assets.vg247.it/current//2014/06/mortal-kombat-x-banner.jpg
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite M.Dragon
Non proprio, Thomas e Barbara vissero nel Cottage a Cauldron Lake e quando Thomas scoprì il Potere del Lago di far avverare le cose che scriveva, ne fu eccitato e iniziò ad abusare di questo potere. Quando si rese conto della malvagità che scaturiva da questo lago decise di smettere ma Emil Hartman (che lavorava insieme a Thomas) non avendo le doti di un gran scrittore, convinse Thomas a continuare a scrivere perchè lui stesso non era in grado di sfruttare questo potere (è per questo che decise di creare la Clinica per artisti, invece di diventare un grande scrittore). Barbara essendo la musa di Thomas, se non ricordo male venne inghiottita dall'oscurità del Lago e quando ritornò da Thomas era malvagia (cit di Thomas: Il suo cuore era pieno di Oscurità), così glielo strappo dal petto (ecco perchè il buco nel petto di Barbara) e poi, attraverso il potere del manuscritto cercò un modo per rimediare a tutto quanto, ma non ci riuscì del tutto e la presenza oscura prese il volto di Barbara per manifestarsi; così Thomas, per far fronte in un futuro all'oscurità, inserì nel suo Manoscritto il Clicker ed una donna (Cynthia Weaver) incaricata di proteggerlo e di preparare Bright Falls alla battaglia contro l'oscurità, lasciando in vari punti strategici le famose Casse piene di munizioni che troviamo lungo i sentieri della Foresta.

 

n.b ci può essere qualche imprecisione.

Grazie delle delucidazioni, adesso mi è tutto chiaro.

Secondo te potranno fare il seguito?

La storia in effetti potrebbe continuare dato che Alan rimane intrappolato nel cottage (forse troverà un modo per uscirne e per sconfiggere l'oscurità definitivamente) e la collocazione di alcuni personaggi rimane avvolta nel mistero.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Boh è un gioco che una volta finito lascia alcune perplessità sulla storia...ed erano anni che non ne trovavo uno così.

 

1) Le cose che mi lasciano perplesso sono la Faccia di Alan mentre continua a scrivere il Manoscritto, sembra abbia la stessa faccia di quando Barbara lo controllava e come battuta finale scrive" Il Lago è un Oceano..", cosa sta a significare? Se il Lago diventasse un Oceano il suo potere oscuro crescerebbe a dismisura.

 

2) Barry, l'agente di Polizia e la Signora delle Luci che fine hanno fatto? Non penso che Barry sia una presenza fittizia, perchè dal momento che Alan scrive nel Manufatto che Barry lo andrà a trovare a Bright Falls, la cosa si avvera e Barry lo va a trovare...quindi non è possibile che il vero Barry sia rimasto per cavoli suoi e a Bright Falls sia arrivato un Barry inventato da Alan. Stesso discorso per l'agente di Polizia e la Signora delle Luci, tutti e tre sono rimasti dentro la Stanza della Luce e tutti e tre nel filmato finale non compaiono. L'agente di polizia che ci fanno vedere nel filmato finale potrebbe star a significare che non hanno ancora (o forse mai) fatto ritorno in superficie e quindi una nuova Poliziotta ha preso il suo posto....

 

Provo a fare qualche ipotesi per rispondere alle tue domande.

 

1) Wake parla di un oceano invece che di lago ma in maniera metaforica, o meglio non si riferisce propriamente a un luogo fisico. Per chi ha letto Lovecraft o magari Conrad credo sia più facilmente intuibile. Il lago è il luogo dell'oscurità, ma l'oscurità è prima di tutto un luogo dell'anima, una dimensione, appunto non un luogo fisico, ed è per questo che wake dice che non è un lago ma un oceano... Si riferisce alla dimensione dell'oscurità, che è infinita, come un pozzo senza fondo, come gli oscuri abissi dello spazio in Lovecraft. Come dire che l'oscurità è talmente vasta da non essere quantificabile...

 

2) Non è che i personaggi da te citati non esistano più... Sec me la trama di questo gioco è molto raffinata per come lascia tutto in sospeso, tutto un po' aperto. Ci sono più piani che convivono e che non sono per forza reali, è come ci fossero più universi paralleli che procedono in sincrono. Alan è davvero sotto al lago fisicamente? Oppure è solo dentro la dimensione dell'oscurità? Alan scrivendo riscrive il passato in modo che vada tutto diversamente (e infatti Alice alla fine emerge dal lago subito e non vi rimane), ma questo ha un prezzo. E' proprio Wake che parla del prezzo che occorre pagare per salvare Alice; si devono bilanciare oscurità e luce, altrimenti il racconto non funziona. Così per salvare Alice è costretto a restare dentro l'oscurità, in una sorta di dimensione parallela. Poi da ultimo dice che occorrerà del tempo per riuscire ad arrivare in fondo all'avventura. E' un lungo viaggio dentro l'oscurità che Alan deve fare per poter riuscire ad uscirne fuori e riunirsi alla moglie. Si può pensare che forse quello che succederà nei prossimi episodi sarà quello che Alan Wake ha deciso di scrivere stando là sotto.

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
secondo me la spiegazione sul finale del gioco sta proprio nella prima frase che si sente durante l'introduzione....ascoltatela...

Questa?

 

S. King once wrote that "Nightmares exist outside of logic, and there'e little fun to be had in explanations; they're antithetical to the poetry of fear." In a horror story the victim keeps asking "why?" But there can be no explanation, and there shouldn't be one. The unanswered mystery is what stays with us the longest, and it's what we'll remember in the end. My name is Alan Wake. I'm a writer.

I forum, soprattutto se orientati ai videogiochi, mi appassionano: incredibile come la gente prenda tanto sul serio i messaggi e certi argomenti su temi così futili, come i videogiochi, appunto...
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Questa?

 

S. King once wrote that "Nightmares exist outside of logic, and there'e little fun to be had in explanations; they're antithetical to the poetry of fear." In a horror story the victim keeps asking "why?" But there can be no explanation, and there shouldn't be one. The unanswered mystery is what stays with us the longest, and it's what we'll remember in the end. My name is Alan Wake. I'm a writer.

 

In tedesco non c'era?

http://gamercard.mondoxbox.com/mondo/SOF+Markiller.png
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Una cosa è certa... a livello di trama questo gioco spacca di brutto.

Avessero messo più enigmi scervelotic alla silent hill 1 sarebbe stato il thriller psicologico perfetto.

Davvero splendido

 

voglio alan wake 2 :mrgreen: o i dlc

http://card.josh-m.com/live/mondo/wail22.png
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Una cosa è certa... a livello di trama questo gioco spacca di brutto.

 

vero... anche se purtroppo è l'unica cosa degna di nota...

 

con un gameplay così piatto e ripetitivo e con le ambientazioni uguali dall'inizio alla fine, ammetto che la storia è stata l'unica cosa che mi ha fatto andare avanti in questo gioco...

a parte la trama, mi ha deluso sotto molti punti di vista...

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite M.Dragon

Se non ho intuito male le opere artistiche che vengono composte in Bright Falls non derivano dalle persone, ma da un'entità superiore, ossia dagli alieni.

Non viene fatto un riferimento diretto su tali esseri ma si può intuire che la creatività degli uomini di quel posto viene raggiunta attraverso gli alieni e non dalla loro mente, quindi gli abitanti fanno loro da mediazione.

 

Potrei anche sbagliarmi, voi che ne pensate?

Modificato da M.Dragon
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Nell'episodio 3 quando Alan e Barry vanno a cercare Rose, il responsabile del camping dice che in passato gli indiani pensavano che il lago fosse un portale per l'aldilà. Ecco io ora penso che sia possibile, magari, essendo un portale... magari i soggetti che creano queste opere di fantasia vengono trasportati in un'altra dimensione, una sorta di mondo parallelo dove le cose e gli eventi che loro hanno pensato sono realtà :teach:

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite M.Dragon
Nell'episodio 3 quando Alan e Barry vanno a cercare Rose, il responsabile del camping dice che in passato gli indiani pensavano che il lago fosse un portale per l'aldilà. Ecco io ora penso che sia possibile, magari, essendo un portale... magari i soggetti che creano queste opere di fantasia vengono trasportati in un'altra dimensione, una sorta di mondo parallelo dove le cose e gli eventi che loro hanno pensato sono realtà :teach:

Infatti sembra che Couldron Lake sia proprio un portale per un altra dimensione.

Diciamo una specie di tunnel spazio temporale...che proprio da lì arrivino gli alieni?

 

Alla fine da quel che ho capito la creatività e le invensioni degli artisti di Bright Falls derivano proprio da loro, ossia da entità superiori.

Chi ha letto il libro capirà :mrgreen:

Modificato da M.Dragon
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Infatti sembra che Couldron Lake abbia sia proprio un portale per un altra dimensione.

Diciamo una specie di tunnel spazio temporale...che proprio da lì arrivino gli alieni?

 

Alla fine da quel che ho capito la creatività e le invensioni degli artisti di Bright Falls derivano proprio da loro, ossia da entità superiori.

Chi ha letto il libro capirà :mrgreen:

 

Aspetta aspetta. Ovviamente la trama è incompleta e oscura su molte parti, perciò ogni teoria può essere valida quanto il contrario.

La cosa a cui ti riferisci tu, tratta dal libro, sono le frasi in cui dicono che gli artisti in depressione, parlando dei loro capolavori, Canzoni, Sculture, Libri etc etc, al momento di depressione/blocco artistico, non riuscivano ad attribbuire a loro stessi la bravura mostrata nei loro capolavori, dicendo a loro stessi (quindi anche ai medici) che in quei momenti non erano stati loro a creare quei capolavori, bensì era come se fossero stai attraversati da un'entità che si appropriava delle loro menti e corpi.

 

Queste frasi vanno prese con le pinze però, perchè a parlare di queste cose, altro non sono che persone in un momento critico della loro vita, alcune anche in forti depressioni e con problemi psichici. Sopratutto, le loro frasi credo debbano essere interpretate come metafore...nel senso che, credo sia capitato a tutti, a scuola quando si doveva fare un tema, o chessò davanti un foglio bianco per fare un disegno di fantasia, e in tanti altri frangenti di vita, che al momento di metterci davanti al foglio per scrivere, magari stiamo 2 ore a fissare le righe del foglio, poi scatta una scintilla e dopo un paio d'ore vi ritrovate con 4 pagine di foglio protocollo colmo di idee e dite a voi stessi "cavolo quanta roba ho scritto"...Quindi credo che il senso delle loro frasi fosse metaforico e sopratutto nella depressione spesso si perde auto-stima e si diventa restii ad attribuirsi i giusti meriti per le nostre azioni.

 

Sicuramente e molto probabilmente tutti gli artisti di Bright Falls saranno incappati nella presenza che li ha guidati poi ad aprire (sia in positivo che negativo) la loro vena artistica, ma nel libro mi pare che la provenienza degli artisti in ricovero non sia solo di Bright Falls.

 

Un paio di cose che mi lasciano perplesso nella storia sono Thomas Zane, Signor Graffio e il Finale.

 

Thomas Zane è un famoso ed abile scrittore di cui ad inizio gioco troviamo nel Cottage dei suoi Libri e nel corso della storia Scopriamo che Thomas aveva dei rapporti lavorativi con Emil Hartman. La cosa che mi chiedo è, se Thomas Zane è un famoso scrittore, possibile che Alan non ne abbia mai sentito parlare? Possibile allora che, la teoria che tutto sia iniziato dai Fratelli Anderson sia vera e che quindi Thomas Zane, Barbara Jagger e La signora dell luci altro non siano che persone nate grazie agli Anderson?

 

Il Signor Graffio per come l'ho interpretato io, sembrava una creazione di Zane, tale e quale al nostro Alan Wake, con lo scopo di tornare dagli amici di Alan, quando quest'ultimo avrebbe saltato dallo scoglio per tornare nell'oscurità... La frase che dice Zane ad Alan è circa "Non preoccuparti di lui, quando tu sarai andato, lui tornerà dai tuoi amici"....Però perche i nostri amici "Sarah, Barry e Cynthia" non si vedono alla Festa del Cervo?

 

Nel Finale fanno vedere come se Alan, scrivendo di nuovo il Libro, facesse tornare indietro il tempo per far si che Alice si salvi...quindi tenendo conto di questa teoria, tutti i fatti a Bright Falls è come se non fossero avvenuti e quindi dovrebbero essere vivi tutti quanti...eppure perchè nella Festa del Cervo ci fanno vedere solamente le persone che nel corso della storia abbiamo incontrato e che sono rimaste vive?

 

Ben vengano le vostre teorie signori miei :loving:

Modificato da Seyren Byleth
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite M.Dragon
Aspetta aspetta. Ovviamente la trama è incompleta e oscura su molte parti, perciò ogni teoria può essere valida quanto il contrario.

La cosa a cui ti riferisci tu, tratta dal libro, sono le frasi in cui dicono che gli artisti in depressione, parlando dei loro capolavori, Canzoni, Sculture, Libri etc etc, al momento di depressione/blocco artistico, non riuscivano ad attribbuire a loro stessi la bravura mostrata nei loro capolavori, dicendo a loro stessi (quindi anche ai medici) che in quei momenti non erano stati loro a creare quei capolavori, bensì era come se fossero stai attraversati da un'entità che si appropriava delle loro menti e corpi.

 

Queste frasi vanno prese con le pinze però, perchè a parlare di queste cose, altro non sono che persone in un momento critico della loro vita, alcune anche in forti depressioni e con problemi psichici. Sopratutto, le loro frasi credo debbano essere interpretate come metafore...nel senso che, credo sia capitato a tutti, a scuola quando si doveva fare un tema, o chessò davanti un foglio bianco per fare un disegno di fantasia, e in tanti altri frangenti di vita, che al momento di metterci davanti al foglio per scrivere, magari stiamo 2 ore a fissare le righe del foglio, poi scatta una scintilla e dopo un paio d'ore vi ritrovate con 4 pagine di foglio protocollo colmo di idee e dite a voi stessi "cavolo quanta roba ho scritto"...Quindi credo che il senso delle loro frasi fosse metaforico e sopratutto nella depressione spesso si perde auto-stima e si diventa restii ad attribuirsi i giusti meriti per le nostre azioni.

 

Sicuramente e molto probabilmente tutti gli artisti di Bright Falls saranno incappati nella presenza che li ha guidati poi ad aprire (sia in positivo che negativo) la loro vena artistica, ma nel libro mi pare che la provenienza degli artisti in ricovero non sia solo di Bright Falls.

 

Un paio di cose che mi lasciano perplesso nella storia sono Thomas Zane, Signor Graffio e il Finale.

 

Thomas Zane è un famoso ed abile scrittore di cui ad inizio gioco troviamo nel Cottage dei suoi Libri e nel corso della storia Scopriamo che Thomas aveva dei rapporti lavorativi con Emil Hartman. La cosa che mi chiedo è, se Thomas Zane è un famoso scrittore, possibile che Alan non ne abbia mai sentito parlare? Possibile allora che, la teoria che tutto sia iniziato dai Fratelli Anderson sia vera e che quindi Thomas Zane, Barbara Jagger e La signora dell luci altro non siano che persone nate grazie agli Anderson?

 

Il Signor Graffio per come l'ho interpretato io, sembrava una creazione di Zane, tale e quale al nostro Alan Wake, con lo scopo di tornare dagli amici di Alan, quando quest'ultimo avrebbe saltato dallo scoglio per tornare nell'oscurità... La frase che dice Zane ad Alan è circa "Non preoccuparti di lui, quando tu sarai andato, lui tornerà dai tuoi amici"....Però perche i nostri amici "Sarah, Barry e Cynthia" non si vedono alla Festa del Cervo?

 

Nel Finale fanno vedere come se Alan, scrivendo di nuovo il Libro, facesse tornare indietro il tempo per far si che Alice si salvi...quindi tenendo conto di questa teoria, tutti i fatti a Bright Falls è come se non fossero avvenuti e quindi dovrebbero essere vivi tutti quanti...eppure perchè nella Festa del Cervo ci fanno vedere solamente le persone che nel corso della storia abbiamo incontrato e che sono rimaste vive?

 

Ben vengano le vostre teorie signori miei :loving:

Per la creatività degli artisti, si, diciamo che potrebbe essere anche considerata come una metafora, anche se mi piacerebbe più credere che tutte le opere e i capolavori che sono riusciti a comporre derivino da entità superiori.

Riguardo Thomas, Barbara e Cynthia non credo siano stati inventati, alla fine il manoscritto può cambiare gli avvenimenti, gli eventi naturali ma non penso che potrebbe dare vita a delle persone vere e proprie.

 

Il Signor Graffio potrebbe essere una copia reale di Alan Wake, così mentre quest'ultima andrebbe nella città dello scrittore facendo la sua vita con moglie e amici senza che nessuno si accorgerebbe di nulla, l'Alan Wake vero rimarrebbe intrappolato nell'altra dimensione.

 

Il finale è un bell'interrogativo, probabilmente con il DLC o magari in un ipotetico Alan Wake 2 troveremo le risposte riguardanti i vari personaggi della storia.

Modificato da M.Dragon
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Per la creatività degli artisti, si, diciamo che potrebbe essere anche considerata come una metafora, anche se mi piacerebbe più credere che tutte le opere e i capolavori che sono riusciti a comporre derivino da entità superiori.

Riguardo Thomas, Barbara e Cynthia non credo siano stati inventati, alla fine il manoscritto può cambiare gli avvenimenti, gli eventi naturali ma non penso che potrebbe dare vita a delle persone vere e proprie.

 

Il Signor Graffio potrebbe essere una copia reale di Alan Wake, così mentre quest'ultima andrebbe nella città dello scrittore facendo la sua vita con moglie e amici senza che nessuno si accorgerebbe di nulla, l'Alan Wake vero rimarrebbe intrappolato nell'altra dimensione.

 

Il finale è un bell'interrogativo, probabilmente con il DLC o magari in un ipotetico Alan Wake 2 troveremo le risposte riguardanti i vari personaggi della storia.

 

In effetti mi sembra assurdo anche a me che Thomas e company siano stati "creati" dalla canzone degli Anderson...andrebbe troppo ma troppo sul surreale secondo me...Però è anche vero che Thomas è un grande scrittore eppure Alan (lavorando anche nello stesso campo) non ne era a conoscenza e soprattutto gli unici a parlare di Thomas o che ne citano il nome sono solo i Fratelli Anderson nella clinica Hartman...

 

Ma.....a nessuno di voi durante il gioco è balenata l'idea che Thomas potrebbe essere il padre di Wake? Non ricordo in che preciso momento del gioco mi venne in mente questa assurda teoria, però poi, leggendo il libro ho notato che sia nei libri di Alan e anche per voce di Clay Steward, si nota che Wake abbia avuto un rapporto stranissimo con il padre e direi quasi assente del tutto nella sua vita...Tant'è che Wake del padre non parla mai nel gioco, ma Zane ci spiega che Il Clicker per Alan aveva un potere mistico essendo legato direttamente alla figura di suo padre.

E guarda caso è proprio Zane ad infilare il Clicker, tanto importante per Alan, nelle vicende che affrontiamo nel gioco....Oltretutto Zane ce lo fanno vedere sempre con la tuta e mai in viso...

Modificato da Seyren Byleth
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ospite M.Dragon
In effetti mi sembra assurdo anche a me che Thomas e company siano stati "creati" dalla canzone degli Anderson...andrebbe troppo ma troppo sul surreale secondo me...Però è anche vero che Thomas è un grande scrittore eppure Alan (lavorando anche nello stesso campo) non ne era a conoscenza e soprattutto gli unici a parlare di Thomas o che ne citano il nome sono solo i Fratelli Anderson nella clinica Hartman...

 

Ma.....a nessuno di voi durante il gioco è balenata l'idea che Thomas potrebbe essere il padre di Wake? Non ricordo in che preciso momento del gioco mi venne in mente questa assurda teoria, però poi, leggendo il libro ho notato che sia nei libri di Alan e anche per voce di Clay Steward, si nota che Wake abbia avuto un rapporto stranissimo con il padre e direi quasi assente del tutto nella sua vita...Tant'è che Wake del padre non parla mai nel gioco, ma Zane ci spiega che Il Clicker per Alan aveva un potere mistico essendo legato direttamente alla figura di suo padre.

E guarda caso è proprio Zane ad infilare il Clicker, tanto importante per Alan, nelle vicende che affrontiamo nel gioco....Oltretutto Zane ce lo fanno vedere sempre con la tuta e mai in viso...

Riguardo la prima parte della tua risposta sono daccordo.

 

Sulla seconda la stessa cosa ho pensato anche io, ossia che Thomas potesse essere il padre di Alan.

Si può dire che il libro (l'ho letto tutto) in un certo senso lo fa intuire, soprattutto con Errand Boy, infatti le sue opere riflettono ciò che rappresenta la sua personalità e penso anche il suo passato.

Quindi Alan potrebbe non aver mai conosciuto il padre e nonostante tutto proprio Thomas cerca di aiutare il più possibile Alan scrivendo una storia apposita per facilitarli il percorso (proprio come succede in Errand Boy).

Il "clicker" poi rappresenta l'elemento di aiuto più importante e probabilmente è stato l'oggetto fondamentale dell'infanzia di Alan.

 

Attualmente il titolo lo sto rigiocando a difficoltà Incubo così cercherò di capire ancora meglio la storia.

C'è da dire che più analizzi questo gioco e più scopri dettagli inizialmente insignificanti, ma che alla fine sono importanti.

 

Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ragazzi questo il testo della canzone degli Old God of Asgard, quella che si sente nella fattoria per intenderci, se non mi sbaglio a livello incubo si trova qualche pagina del manoscritto con sopra il testo, in ogni caso eccolo qui:

 

There’s an old town wrought

With mystery of ??

The poet and his muse

And the magic lake

Which gave a light

To the words the poet used

 

Now the muse she was his happiness

And he rhymed about her grace

And told her stories of treasures

Deep beneath the blackened waves

 

Till in the stillness of one dawn

Still in its mystic crown

The muse she went down to the lake

And in the waves she drowned

 

And now to see your love set free

You will need the witches cabin key

Find the lady of the light gone mad with the night

That’s how you reshape destiny

 

The Poet came down to the lake

To call out to his dear

When there was no answer

He was overcome with fear

He searched in vain for his treasure lost

And too soon the night would fall

And only his own echo

Would wail back at his call

 

And when he swore to bring back his love

By the stories he’d create

Nightmares shifted endlessly

In the darkness of the lake

 

And now to see your love set free

You will need the witches cabin key

Find the lady of the light still ravin’ in the night

That’s how you reshape destiny

 

In the dead of night she came to him

with darkness in her eyes

Wearing a mourning gown

Sweet words as her disguise

He took her in without a word

For he saw his grave mistake

And vowed them both to silence

Deep beneath the lake

 

Now if it’s real or just a dream

One mystery remains

For it is said

On moonless nights

they may still haunt this place

 

And now to see your love set free

You will need the witches cabin key

Find the lady of the light gone mad with the night

That’s how you reshape destiny

 

And now to see your love set free

You will need the witches cabin key

Find the lady of the light still ravin’ in the night

That’s how you reshape destiny

 

 

 

Titolo: the poet and his muse

http://1988anil.googlepages.com/alanwake.gif
Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Crea Nuovo...