Vai al contenuto

Referendum 12-13 Giugno


RaistlinMajere

Messaggi raccomandati

Chiedo venia se magari non ho avvisato mod, ma ho semplicemente pensato che ci sono molti neo 18 e molte persone che non hanno ben chiaro il perché "NO" e il perché "SI".

Siccome mi sono trovato a discutere (in modo civile) nel mio posto di lavoro, ho notato che c'è gente che ha capito il contrario di ogni cosa, quindi magari vuole votare "SI" ma in realtà sarebbe "NO" , idem chi vuole votare "NO" ma comprende che devevotare "SI".

 

Insomma è un mero Post (Se volete chiudetelo subito) per spiegare cosa, come, quando, dove e il perchè (secondo il proprio pensiero) sia orientato a votare NO o SI.

 

 

Cosa sono i referendum

 

Il re­fe­ren­dum è uno stru­mento di eser­ci­zio della so­vra­nità po­po­lare, san­cita all’articolo 1 della Co­sti­tu­zione della Re­pub­blica Ita­liana, e l’esito re­fe­ren­da­rio è una fonte del di­ritto pri­ma­ria che vin­cola i le­gi­sla­tori al ri­spetto della vo­lontà del po­polo. Sono quat­tro le ti­po­lo­gie di re­fe­ren­dum con­tem­plate dalla Co­sti­tu­zione italiana:

 

il re­fe­ren­dum abro­ga­tivo di leggi e atti aventi forza di legge,

quello sulle leggi co­sti­tu­zio­nali e di re­vi­sione costituzionale,

quello ri­guar­dante la fu­sione di re­gioni esi­stenti o la crea­zione di nuove regioni,

quello ri­guar­dante il pas­sag­gio da una Re­gione ad un’altra di Pro­vince o Comuni.

 

Il re­fe­ren­dum abro­ga­tivo di leggi e atti aventi forza di legge (ar­ti­colo 75) si uti­lizza come so­lu­zione per abo­lire una legge già esi­stente o parte di questa.

 

 

De­scri­zione breve dei re­fe­ren­dum del 12 e 13 giu­gno 2011

 

Il 12 e 13 giu­gno 2011 i cit­ta­dini ita­liani sono chia­mati ad espri­mere il pro­prio voto su 4 que­siti referendari.

L’elettore, per vo­tare, deve esi­bire al pre­si­dente del seg­gio la tes­sera elet­to­rale ed un do­cu­mento di riconoscimento.

L’elettore ri­ceve da un com­po­nente del seg­gio 4 schede di di­verso colore:

Il voto “SI”, trac­ciato sulla scheda, in­dica la vo­lontà di abro­gare la nor­ma­tiva ri­chia­mata dal que­sito referendario.

Il voto “NO”, trac­ciato sulla scheda, in­dica la vo­lontà di man­te­nere la vi­gente nor­ma­tiva ri­chia­mata dal que­sito referendario.

 

 

Quando si vota

 

Le ope­ra­zioni di voto si svolgono:

 

Do­me­nica 12 giu­gno 2011, dalle 8:00 alle 22:00

 

e

 

Lu­nedì 13 giu­gno 2011, dalle 7:00 alle 15:00.

 

Se­condo legge po­te­vano es­sere svolti tra il 15 aprile e il 15 giu­gno, ma i re­fe­ren­dum abro­ga­tivi sono stati in­fine fis­sati per il 12 e 13 giu­gno, quindi senza unire il voto con le ele­zioni am­mi­ni­stra­tive del 15–16 maggio.

 

Tale scelta è stata cri­ti­cata quale enorme spreco di de­naro pub­blico e come ten­ta­tivo di non far rag­giun­gere il quo­rum ai re­fe­ren­dum. Un ten­ta­tivo di boi­cot­tag­gio. In­fatti se non an­dranno a vo­tare il 50% + 1 de­gli aventi di­ritto i re­fe­ren­dum non sa­ranno validi.

 

referendum

 

Il Mi­ni­stro de­gli In­terni Ro­berto Ma­roni (della Lega di “Roma la­drona”) ha scelto per la di­vi­sione delle due con­sul­ta­zioni. Di fatto que­sta de­ci­sione co­sterà alle casse dello stato, come evi­den­ziano al­cune stime ri­por­tate dalla stampa, uno spreco di 400 mi­lioni di euro in più ri­spetto ad un ipo­te­tico ac­cor­pa­mento delle ele­zioni am­mi­ni­stra­tive col referendum.

 

 

Dove si vota

 

Gli elet­tori de­vono vo­tare nel pro­prio Co­mune di re­si­denza, nella se­zione elet­to­rale in­di­cata sulla prima fac­ciata della tes­sera elettorale.

 

 

Re­fe­ren­dum, in campo la so­cietà ci­vile: Quat­tro sì per cam­biare l’Italia

 

È im­por­tante – il 12–13 giu­gno – rag­giun­gere il quo­rum di 25 mi­lioni di vo­tanti ai Re­fe­ren­dum e sce­gliere il SI a tutti i que­siti. È un voto che può porre al­cuni li­miti a un mo­dello di svi­luppo in­so­ste­ni­bile, che ignora i co­sti am­bien­tali, so­ciali e i beni co­muni, e a un po­tere po­li­tico che cal­pe­sta giu­sti­zia e democrazia.

 

Un suc­cesso dei SI al Re­fe­ren­dum co­strin­ge­rebbe la po­li­tica – sia del go­verno che dell’opposizione – a fare i conti con la vo­lontà dei cit­ta­dini. L’impegno delle mo­bi­li­ta­zioni so­ciali non si li­mi­te­rebbe a ma­ni­fe­sta­zioni fi­nora ina­scol­tate, ma can­cel­le­rebbe al­cune delle peg­giori leggi in­tro­dotte dal governo.

 

[Leggi an­che: la lettera-appello di Adriano Ce­len­tano con­tro il nu­cleare, con­tro la priva­tizzazione dell’acqua, con­tro il le­git­timo im­pe­di­mento.]

 

 

Que­sito n. 1 – re­fe­ren­dum ac­qua pub­blica – abro­ga­zione af­fi­da­mento ser­vi­zio ad ope­ra­tori privati

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 1 – SCHEDA DI COLORE ROSSO

“Vo­lete voi che sia abro­gato l’art. 23 bis (Ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza eco­no­mica) del de­creto legge 25 giu­gno 2008 n.112 “Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 6 ago­sto 2008, n.133, come mo­di­fi­cato dall’art.30, comma 26 della legge 23 lu­glio 2009, n.99 re­cante “Di­spo­si­zioni per lo svi­luppo e l’internazionalizzazione delle im­prese, non­ché in ma­te­ria di ener­gia” e dall’art.15 del de­creto legge 25 set­tem­bre 2009, n.135, re­cante “Di­spo­si­zioni ur­genti per l’attuazione di ob­bli­ghi co­mu­ni­tari e per l’esecuzione di sen­tenze della corte di giu­sti­zia della Co­mu­nità eu­ro­pea” con­ver­tito, con mo­di­fi­ca­zioni, in legge 20 no­vem­bre 2009, n.166, nel te­sto ri­sul­tante a se­guito della sen­tenza n.325 del 2010 della Corte costituzionale?”.

 

Nota: Il primo que­sito sulla pri­va­tiz­za­zione dell’ac­qua pub­blica ri­guarda le mo­da­lità di af­fi­da­mento e ge­stione dei ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza economica.

 

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la pri­va­tiz­za­zione dell’acqua e con­tro la ge­stione dei ser­vizi idrici da parte di pri­vati.

 

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione attuale.

 

Que­sito n. 2 – re­fe­ren­dum ac­qua pub­blica – abro­ga­zione cal­colo ta­riffa se­condo lo­gi­che di “mercato”

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 2 – SCHEDA DI COLORE GIALLO

“Vo­lete voi che sia abro­gato il comma 1, dell’art. 154 (Ta­riffa del ser­vi­zio idrico in­te­grato) del De­creto Le­gi­sla­tivo n. 152 del 3 aprile 2006 “Norme in ma­te­ria am­bien­tale”, li­mi­ta­ta­mente alla se­guente parte: “dell’adeguatezza della re­mu­ne­ra­zione del ca­pi­tale investito”?”.

 

Nota: Il se­condo que­sito sulla pri­va­tiz­za­zione dell’ac­qua pub­blica ri­guarda la de­ter­mi­na­zione della ta­riffa del ser­vi­zio idrico in­te­grato in base all’adeguata re­mu­ne­ra­zione del ca­pi­tale in­ve­stito. In que­sto caso agli elet­tori viene pro­po­sta una abro­ga­zione par­ziale della norma.

 

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la norma che per­met­tere il pro­fitto (non il re­cu­pero dei co­sti di ge­stione e di in­ve­sti­mento, ma il gua­da­gno d’impresa) nell’erogazione del bene Ac­qua po­ta­bile.

 

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che am­mette tale guadagno.

 

 

Una scheda com­pleta sui quat­tro que­siti re­fe­ren­dari del 12 e 13 Giu­gno 2011, che ri­guar­dano: il le­git­timo im­pe­di­mento, la pri­va­tiz­za­zione di fatto dell’acqua pre­vi­sto dal de­creto “Ron­chi” (due que­siti) e il ri­torno all’energia nucleare.

 

Que­sito n. 3 – re­fe­ren­dum ener­gia nucleare

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 3 – SCHEDA DI COLORE GRIGIO

“Vo­lete voi che sia abro­gato il decreto-legge 25 giu­gno 2008, n. 112, con­ver­tito con mo­di­fi­ca­zioni, dalla legge 6 ago­sto 2008, n. 133, nel te­sto ri­sul­tante per ef­fetto di mo­di­fi­ca­zioni ed in­te­gra­zioni suc­ces­sive, re­cante Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria, li­mi­ta­ta­mente alle se­guenti parti: art. 7, comma 1, let­tera d: rea­liz­za­zione nel ter­ri­to­rio na­zio­nale di im­pianti di pro­du­zione di ener­gia nucleare?”.

 

Nota: Lungo e ar­ti­co­lato il que­sito re­fe­ren­da­rio per abro­gare la norma per la “rea­liz­za­zione nel ter­ri­to­rio na­zio­nale di im­pianti di pro­du­zione di ener­gia nu­cleare”. Si tratta di una parte del de­creto legge re­cante “Di­spo­si­zioni ur­genti per lo svi­luppo eco­no­mico, la sem­pli­fi­ca­zione, la com­pe­ti­ti­vità, la sta­bi­liz­za­zione della fi­nanza pub­blica e la pe­re­qua­zione tri­bu­ta­ria” fir­mato il 25 giu­gno 2008 e con­ver­tito in legge “con mo­di­fi­ca­zioni” il 6 ago­sto dello stesso anno. An­che que­sto que­sito è stato pre­sen­tato dall’Idv.

 

Si deve vo­tare SÌ se si è con­tro la co­stru­zione di Cen­trali Nu­cleari in Italia.

 

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che le prevede.

 

Que­sito n. 4 – re­fe­ren­dum le­git­timo impedimento

Re­fe­ren­dum po­po­lare n. 4 – SCHEDA DI COLORE VERDE CHIARO

 

“Vo­lete voi che siano abro­gati l’articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 non­chè l’articolo 1 della legge 7 aprile 2010 nu­mero 51 re­cante “di­spo­si­zioni in ma­te­ria di im­pe­di­mento a com­pa­rire in udienza?”.

 

Nota: Que­sto que­sito, per abro­gare la legge sul le­git­timo im­pe­di­mento, è quello dalle pos­si­bili ri­per­cus­sioni po­li­ti­che più forti. A pro­porre il re­fe­ren­dum è stata l’Italia dei Va­lori. Dopo la di­chia­ra­zione di par­ziale in­co­sti­tu­zio­nale della legge sul le­git­timo im­pe­di­mento, la Corte di Cas­sa­zione ha au­to­riz­zato, con or­di­nanza, lo svol­gi­mento del referendum.

 

Si deve vo­tare SÌ se si è con­trari al prin­ci­pio che Pre­si­dente del con­si­glio o mi­ni­stro pos­sano de­ci­dere di non com­pa­rire in tri­bu­nale nei pro­cessi che li ri­guar­dano.

 

Si deve vo­tate NO se si è a fa­vore della le­gi­sla­zione at­tuale che pre­vede que­sto “scudo” nei con­fronti del si­stema giudiziario.

 

 

 

(ho tagliato qualche pezzo che credo non sia utile alla comprensione di questo referendum)

 

 

FONTE : "http://www.forumcivico.it/referendum-12-13-giugno-2011-325.html"

Modificato da RaistlinMajere
  • Upvote 4
Link al commento
Condividi su altri siti

ok, il post che hai copiato spiega bene la roba anche se incasina la maggior parte della gente con tutti quei "paroloni", comunque ora,a cosa serve? lo danno in tv, nei giornali ecc. insomma, se ne parla ovunque e in un sito di videogiochi non centra niente. se il popolo è ignorante non ci posso fare nulla io, che imparino a leggere

WHEN A MAN LIES HE MURDERS SOME PART OF THE WORLD. THESE ARE THE PALE DEATHS WICH MEN MISCALL THERE. THERE LIVES ALL THIS I CANNOT BEAR WITNESS ANY LONGER. CANNOT THE KINGDOM OF SALVATION TAKE ME HOME.
Link al commento
Condividi su altri siti

ok, il post che hai copiato spiega bene la roba anche se incasina la maggior parte della gente con tutti quei "paroloni", comunque ora,a cosa serve? lo danno in tv, nei giornali ecc. insomma, se ne parla ovunque e in un sito di videogiochi non centra niente. se il popolo è ignorante non ci posso fare nulla io, che imparino a leggere

 

L'informazione, se non pilotata su di un luogo come il "vota questo", non fa mai male, preferisco passare da idiota e postare questa cosa in un forum di video games, che rimanere a guardare gente che ancora non ha capito la differenza tra votare SI e NO. Fondamentalmente sono iscritto da un pò a Mondoxbox, dare informazione in toni pacati e (quanto di più mi è concesso) esaustivi, a gente che segue una mia stessa passione credo "giustifichi" un post del genere. Magari non sarà utile a nessuno, ma potrei anche sbgliarmi :).

  • Upvote 3
Link al commento
Condividi su altri siti

Beh hai fatto bene ad aprire questo topic informativo perchè io (che sono maggiorenne da una decina di giorni e il 12 andro a votare) se oggi pomeriggio non mi fossi informato avrei votato tutto al contrario :mrgreen:

In pratica se voti SI sei favorevole all'ABROGAZIONE mentre se voti NO sei favorevole alla legge in vigore.

Secondo me se non lo scrivono bene sulla scheda molta gente si sbaglierà :whew:

 

Domanda stupida: Capisco il nucleare e il legittimo impedimento, perchè ci sono sia persone a favore che contro, ma la privatizzazione dell'acqua a chi giova?

Non vuole essere una polemica, solo mi chiedo dove siano i vantaggi, perchè potrei anche avere capito male tutta la questione...

Link al commento
Condividi su altri siti

Beh hai fatto bene ad aprire questo topic informativo perchè io (che sono maggiorenne da una decina di giorni e il 12 andro a votare) se oggi pomeriggio non mi fossi informato avrei votato tutto al contrario :mrgreen:

In pratica se voti SI sei favorevole all'ABROGAZIONE mentre se voti NO sei favorevole alla legge in vigore.

Secondo me se non lo scrivono bene sulla scheda molta gente si sbaglierà :whew:

 

Domanda stupida: Capisco il nucleare e il legittimo impedimento, perchè ci sono sia persone a favore che contro, ma la privatizzazione dell'acqua a chi giova?

Non vuole essere una polemica, solo mi chiedo dove siano i vantaggi, perchè potrei anche avere capito male tutta la questione...

Concordo sulla liberta' di opinione sulle questioni del nucleare e del legittimo impedimento......ma permettere ulteriori speculazioni sull'acqua mi sembra una cosa inammissibile

Link al commento
Condividi su altri siti

L'informazione, se non pilotata su di un luogo come il "vota questo", non fa mai male

 

Il problema è fare un' informazione non pilotata, le tue intenzioni sono lodevoli (al contrario di quanto avvenuto nell' altra discussione) però ci sono delle cose che ti sono sfuggite, la prima è che hai fatto copia ed incolla da un articolo di parte come si può evincere dal pezzo che ti riporto

 

Re­fe­ren­dum, in campo la so­cietà ci­vile: Quat­tro sì per cam­biare l’Italia

 

È im­por­tante – il 12–13 giu­gno – rag­giun­gere il quo­rum di 25 mi­lioni di vo­tanti ai Re­fe­ren­dum e sce­gliere il SI a tutti i que­siti. È un voto che può porre al­cuni li­miti a un mo­dello di svi­luppo in­so­ste­ni­bile, che ignora i co­sti am­bien­tali, so­ciali e i beni co­muni, e a un po­tere po­li­tico che cal­pe­sta giu­sti­zia e democrazia.

 

Un suc­cesso dei SI al Re­fe­ren­dum co­strin­ge­rebbe la po­li­tica – sia del go­verno che dell’opposizione – a fare i conti con la vo­lontà dei cit­ta­dini. L’impegno delle mo­bi­li­ta­zioni so­ciali non si li­mi­te­rebbe a ma­ni­fe­sta­zioni fi­nora ina­scol­tate, ma can­cel­le­rebbe al­cune delle peg­giori leggi in­tro­dotte dal governo.

 

Come vedi loro spingono la gente a votare in un certo modo invece di fare sola informazione, la parte in neretto è quella più evidente ma è tutto il pezzo quotato che indica alle persone cosa devono votare.

La seconda osservazione riguarda le indicazioni riportate nella descrizione dei veri quesiti referendari. Perchè citare i vari articoli per poi fare invece una sintesi (che potrebbe pure essere un' interpretazione di parte) invece di riportare il testo integrale? Parliamo per esempio del primo quesito, ci sono quasi 6 righe di riferimenti numerici che impicciano le idee e poi scrivono semplicemente "privatizzazione dell' acqua pubblica", ma la legge è realmente riassumibile in una frase simile? Io, se avessi il tempo e le conoscenze, tenderei ad informarmi in prima persona invece di affidarmi ad una sintesi tanto breve, eppure spesso la gente taglia corto dando retta a quello che dice chi gli sta simpatico (o meno antipatico) visto che da noi la politica spesso è basata sulle simpatie/antipatie.

Su questo punto vorrei fare un esempio che cito spesso quando si parla di faziosità dei legislatori e/o dei giornalisti. Alcuni anni fa abbiamo iniziato il passaggio al digitale terrestre, tanti hanno tirato in ballo interessi personali diretti (la spinta a Mediaset Premium) ed indiretti (amici produttori di decoder) di Berlusconi, quanti però sapevano che il cambio tecnologico è stato imposto dall' unione europea? Il presidente del consiglio, la sua famiglia ed i suoi amici hanno tratto giovamento da questo cambio? Può essere (non è questa la sede dove discuterne quindi le considerazioni su questo punto direi di finirle qui) ma c' erano comunque delle norme comunitarie da recepire e pochi ne hanno parlato, questo è fare informazione o condizionare la gente?

Detto questo, proviamo a lasciare aperto sperando non si scada sulla politica o sulla propaganda, se però si degenera allora si chiude.

 

Visto che questa è una discussione di informazione, vi riporto una notizia letta in rete ma della quale non conosco l' affidabilità, nel dubbio meglio usare una precauzione in più che rischiare di perdere un diritto :) Nello specifico nell' articolo che ho trovato (non lo riporto in quanto ci sono anche inviti a votare in un senso specifico) viene segnalato che la carta delle schede sarebbe simile alla carta carbone, questo significa che se si mettono le schede una sopra all' altra e si vota la prima si rischia di far apparire dei segni pure sulle altre rischiando di invalidarle. Come detto non so se la segnalazione sia veritiera, nel dubbio fate attenzione.

vai così! ti voglio bannoloso

Qualunque pm di aiuto o di richiesta di risposta ad una discussione verrà cestinato, per le domande usate il forum (avrete più possibilità di ottenre una risposta e queste potrebbero essere utili anche ad altri utenti) ed aspettate fino a quando non ci sarà qualcuno in grado di rispondervi.

 

http://209.85.62.25/3991/77/emo/ban.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

Ospite M.Dragon

L'informazione, se non pilotata su di un luogo come il "vota questo", non fa mai male, preferisco passare da idiota e postare questa cosa in un forum di video games, che rimanere a guardare gente che ancora non ha capito la differenza tra votare SI e NO. Fondamentalmente sono iscritto da un pò a Mondoxbox, dare informazione in toni pacati e (quanto di più mi è concesso) esaustivi, a gente che segue una mia stessa passione credo "giustifichi" un post del genere. Magari non sarà utile a nessuno, ma potrei anche sbgliarmi :).

A mio parere hai fatto bene ad aprire questo topic, non avrei nulla da dire in contrario.

Siamo in un forum di videogiochi questo è vero, ma dopotutto hai postato e siamo nella sezione "Varie" in cui come stesso da titolo si può trattare di qualsiasi argomento, da meno importanti a più importanti.

Link al commento
Condividi su altri siti

 

Visto che questa è una discussione di informazione, vi riporto una notizia letta in rete ma della quale non conosco l' affidabilità, nel dubbio meglio usare una precauzione in più che rischiare di perdere un diritto :) Nello specifico nell' articolo che ho trovato (non lo riporto in quanto ci sono anche inviti a votare in un senso specifico) viene segnalato che la carta delle schede sarebbe simile alla carta carbone, questo significa che se si mettono le schede una sopra all' altra e si vota la prima si rischia di far apparire dei segni pure sulle altre rischiando di invalidarle. Come detto non so se la segnalazione sia veritiera, nel dubbio fate attenzione.

 

Sta cosa della carta carbone è in parte vera, cioè non è che copi sulla carta di sotto ma è talmente fina che può accadere. (mia madre lavorava in tipografia, e il caso vuole che faceva anche le schede elettorali ^^).

Link al commento
Condividi su altri siti

Il problema è fare un' informazione non pilotata, le tue intenzioni sono lodevoli (al contrario di quanto avvenuto nell' altra discussione) però ci sono delle cose che ti sono sfuggite, la prima è che hai fatto copia ed incolla da un articolo di parte come si può evincere dal pezzo che ti riporto

 

 

 

Come vedi loro spingono la gente a votare in un certo modo invece di fare sola informazione, la parte in neretto è quella più evidente ma è tutto il pezzo quotato che indica alle persone cosa devono votare.

La seconda osservazione riguarda le indicazioni riportate nella descrizione dei veri quesiti referendari. Perchè citare i vari articoli per poi fare invece una sintesi (che potrebbe pure essere un' interpretazione di parte) invece di riportare il testo integrale? Parliamo per esempio del primo quesito, ci sono quasi 6 righe di riferimenti numerici che impicciano le idee e poi scrivono semplicemente "privatizzazione dell' acqua pubblica", ma la legge è realmente riassumibile in una frase simile? Io, se avessi il tempo e le conoscenze, tenderei ad informarmi in prima persona invece di affidarmi ad una sintesi tanto breve, eppure spesso la gente taglia corto dando retta a quello che dice chi gli sta simpatico (o meno antipatico) visto che da noi la politica spesso è basata sulle simpatie/antipatie.

Su questo punto vorrei fare un esempio che cito spesso quando si parla di faziosità dei legislatori e/o dei giornalisti. Alcuni anni fa abbiamo iniziato il passaggio al digitale terrestre, tanti hanno tirato in ballo interessi personali diretti (la spinta a Mediaset Premium) ed indiretti (amici produttori di decoder) di Berlusconi, quanti però sapevano che il cambio tecnologico è stato imposto dall' unione europea? Il presidente del consiglio, la sua famiglia ed i suoi amici hanno tratto giovamento da questo cambio? Può essere (non è questa la sede dove discuterne quindi le considerazioni su questo punto direi di finirle qui) ma c' erano comunque delle norme comunitarie da recepire e pochi ne hanno parlato, questo è fare informazione o condizionare la gente?

Detto questo, proviamo a lasciare aperto sperando non si scada sulla politica o sulla propaganda, se però si degenera allora si chiude.

 

Visto che questa è una discussione di informazione, vi riporto una notizia letta in rete ma della quale non conosco l' affidabilità, nel dubbio meglio usare una precauzione in più che rischiare di perdere un diritto :) Nello specifico nell' articolo che ho trovato (non lo riporto in quanto ci sono anche inviti a votare in un senso specifico) viene segnalato che la carta delle schede sarebbe simile alla carta carbone, questo significa che se si mettono le schede una sopra all' altra e si vota la prima si rischia di far apparire dei segni pure sulle altre rischiando di invalidarle. Come detto non so se la segnalazione sia veritiera, nel dubbio fate attenzione.

 

 

Indipendentemente dalla mia idea e dal fatto che approvi l'imparzialita' del topic...

Non e' che un post come questo risulta un po' inutile se poi, come pubblicita' (proprio sopra questo topic) c'e' questa?

 

 

 

:asd: :asd:

http://gamercard.mondoxbox.com/mondo/II+Drazhar+II.png
Link al commento
Condividi su altri siti

ok, il post che hai copiato spiega bene la roba anche se incasina la maggior parte della gente con tutti quei "paroloni", comunque ora,a cosa serve? lo danno in tv, nei giornali ecc. insomma, se ne parla ovunque e in un sito di videogiochi non centra niente. se il popolo è ignorante non ci posso fare nulla io, che imparino a leggere

 

Per quanto mi riguarda è un topic utilissimo e mi è servito molto per informarmi meglio su cosa e come votare. Poi siamo nella sezione Varie e topic del genere sono lodevoli e sempre accettati. Se non ti piace non leggere, ti posso assicurare che nessuno ti obbliga a rimanere qui :)

http://img69.imageshack.us/img69/5959/xenobladefirma.jpg || GOTY 2011:TES V Skyrim||

Link al commento
Condividi su altri siti

Complimenti, colori a parte sei riuscito ad aprire un bel topic. Spero che serva a qualcosa, anche se presumo tutti si preoccuperanno più del caso calcio scommesse che di questo referendum.

 

 

Comunque bravo :teach:

"there is no darkness but ignorance"

Link al commento
Condividi su altri siti

Domanda stupida: Capisco il nucleare e il legittimo impedimento, perchè ci sono sia persone a favore che contro, ma la privatizzazione dell'acqua a chi giova?

Non vuole essere una polemica, solo mi chiedo dove siano i vantaggi, perchè potrei anche avere capito male tutta la questione...

l'acqua non viene privatizzata. viene privatizzato il tubo che te la porta in casa.

 

da una parte ci sono quelli che ti dicono che questo giova a te perche' un privato offre piu' garanzie, perche' c'e' una gara pubblica per affidare l'impianto e devono essere offerte garanzie di qualita', perche' il pubblico ha dimostrato in tutti questi anni che non ce la fa perche' c'e' molta gente che rimane senz'acqua potabile in casa e gli impianti sono vecchi e logori e i comuni non hanno i soldi per rinnovarli.

 

dall'altra parte ci sono quelli che ti dicono che questo ti fa del male perche' non e' detto che il privato sia meglio del pubblico, un investimento privato ricade comunque su di te e innalza il costo della bolletta, le gare sarebbero comunque pilotate con i soliti favoritisimi, l'acqua diventerebbe di proprieta' privata e ci sarebbero i padroni a controllare tutto.

 

e poi c'e' quello che nessuno ti dice: quello sull'acqua e' il secondo quesito, quello giallo. il primo, quello rosso, riguarda i "Ser­vizi pub­blici lo­cali di ri­le­vanza eco­no­mica" e quindi non si tratta solo di acqua, ma di tutti quei servizi pubblici locali a pagamento come ad esempio il trasporto urbano come l'atm, l'atac e via dicendo.

Abrazame hasta che vuelva Roman

-10-

Link al commento
Condividi su altri siti

Bravissimo :ok: :ok:

La disinformazione per quanto riguarda la gestione delle reti idriche è assurda.

Inoltre vorrei aggiungere che in molti comuni italiani la gestione degli acquedotti è già in mano ad enti privati; ad esempio a Monza, dove vivo, l'acquedotto è controllato da un'ente privato da ormai parecchi annni ed i costi sono gli stessi identici di prima (visto che sono imposti dallo stato), ma il servizio è migliore che in precedenza.

Modificato da Stemelk
http://i47.tinypic.com/11m80uh.jpg
Link al commento
Condividi su altri siti

La cosa bella è questa: se ho ben capito, PROPRIO PER EVITARE DERIVE POPULISTE, si prevedono Referendum abrogativi (per dire No devi segnare il Sì) che richiedono un quorum.

 

Ora, ciò che mi scandalizza è che alcuni esponenti delle Istituzioni, se non addirittura il Presidente del Consiglio, invece di dare l'esempio e PARTECIPARE, DATO CHE LA DEMOCRAZIA È PARTECIPAZIONE, si astengono dall'esercitare un DIRITTO DOVERE, per garantire il quale si è lottato tanto e si è versato sangue fraterno.

 

Sono allibito dagli inviti: "Andate al mare"... BISOGNA ANDARE A VOTARE, perché la VITA ATTIVA prevede questo: PARTECIPAZIONE.

Poi, una volta al seggio, si decide se votare "No" o rifiutare una scheda, ma ASTENERSI è sinonimo di IGNAVIA. Se poi lo si fa per par prevalere il "No", si sputa sulla tomba di chi ci ha permesso di essere LIBERI.

 

Come **** facciano questi guardoni e ignavi a dormire sonni tranquilli, io proprio non lo capisco.

 

P.S. Ricordiamoci che gestione privata non è sinonimo di risparmio: si pensi a chi risparmia l'acqua e fa MANCARE al gestore privato i Guadagni da quest'ultimo attesi. Il risultato? Rincari...

 

P.P.S. Liberalizzare è un conto ma privatizzare... Mmmh, ricordiamo l'era Tatcheriana e piangiamo...

 

P.P.P.S. Il guadagno garantito al gestore del 7%, senza l'obbligo di investire sulla qualità? Avete dubbi se abrogarlo o no? (Domanda retorica).

Modificato da cancan

Caveat Emptor! (Console-gaming NO MORE!)

Link al commento
Condividi su altri siti

M4rco: si anche a me è stato detto che la carta delle schede è di tipo copiativo e quindi bisogna fare attenzione a non sovrapporle per evitare segni che invaliderebbero il voto.

 

Per quanto mi riguarda come Italiano residente all'estero ho già espresso il mio voto, trovo molto utile una discussione come questa in un luogo simile proprio perchè ho trovato difficile se non impossibile reperire informazioni non di parte.

 

Mi dispiace poi vedere come tutta l'informazione si riduce spesso ad una baracconata, venga strumentalizzata ed esposta in modi contorti o troppo semplicistici. A volte addirittura si sono commessi errori che vanno a confondere e compromettere il voto di tanti cittadini. Ad esempio su tantissime testate giornalistiche è stata riportata notizia secondo cui noi residenti all'estero potevamo votare solo fino al 2 giugno, mentre invece sul sito del ministero degli esteri e sui plichi consegnatici è chiaramente indicata come data termine il 9 giugno.

 

Come Italiano mi sono sentito davvero preso in giro, ci hanno fatto votare sul nucleare sul quesito vecchio e ora probabilmente il nostro voto non verrà conteggiato.

Sembra che noi Italiani all'estero siamo solo un fastidio. Fa male.

La realtà è che tanti di noi magari hanno una visione nostalgica della patria, ma amano e soffrono per il paese come tutti e vorrebbero essere presi in considerazione.

 

Tra l'altro bisogna fare attenzione al nuovo quesito sul nucleare per come riformulato.

 

Per quanto mi riguarda è importante che lo Stato tenga le redini e si impegni in prima persona nella conduzione e nella fornitura di servizi di qualità ai cittadini. Non demonizzo la privatizzazione ma non concepisco che servizi fondamentali vengano dati in gestione all'esterno con i rischi che ne conseguono.

La produzione massiccia di energia pulita è un obiettivo che dobbiamo raggiungere presto, volenti o nolenti, con investimenti pubblici importanti e una gestione oculata delle risorse. La Svizzera, paese in cui risiedo, sta abbandonando il nucleare, ma già si parla di centrali a carbone :ph34r: . Voglio dire, io penso che bisogna fermarsi e pensare a soluzioni reali, tralasciando fazioni politiche e interessi economici, magari essendo disposti a rinunciare a qualcosa. Guardare al futuro, ma non al nostro immediato futuro, non 100, 200, 500 anni avanti. Oltre, per il bene di tutti.

Link al commento
Condividi su altri siti

Certo che il video di The Pix fa veramente riflettere su come ogni cosa venga strumentalizzata e come tutti noi ci facciamo fregare da quello che dicono gli altri...

Su 3 dei quesiti quello che avevo sentito in giro era falso.

Girano tantissime falsità sul nucleare, gente che ne parla senza nemmeno sapere come funziona e basandosi esclusivamente sulle notizie date in tv o su internet

E ora a quanto pare anche quello che si diceva sulla privatizzazione dell'acqua era falso

 

Fatto sta che ora ho cambiato idea su 2 dei 3 quesiti sui quali mi sono informato, e non mi sembra poco.

Quindi prima di votare LEGGETE cosa prevedono tali leggi, perchè potreste pentirvi di aver votato per lasciare in vigore una legge che reputate ingiusta o per abrogare una legge che reputare giusta :ok:

Link al commento
Condividi su altri siti

Sono allibito dagli inviti: "Andate al mare"... BISOGNA ANDARE A VOTARE, perché la VITA ATTIVA prevede questo: PARTECIPAZIONE.

Poi, una volta al seggio, si decide se votare "No" o rifiutare una scheda, ma ASTENERSI è sinonimo di IGNAVIA. Se poi lo si fa per par prevalere il "No", si sputa sulla tomba di chi ci ha permesso di essere LIBERI.

 

Come **** facciano questi guardoni e ignavi a dormire sonni tranquilli, io proprio non lo capisco.

 

Se parliamo di referendum come quello del 12-13 ti appoggio in quello che hai scritto, se non altro perchè sono rarissime le occasioni in cui i cittadini possono scegliere qualcosa. Ma nelle elezioni di partito, per il governo o per la regione ecc.. una persona può anche scegliere di non votare perchè non si sente rappresentata da nessuno, non per forza per disinteresse o ignavia.

Link al commento
Condividi su altri siti

Ora, ciò che mi scandalizza è che alcuni esponenti delle Istituzioni, se non addirittura il Presidente del Consiglio, invece di dare l'esempio e PARTECIPARE, DATO CHE LA DEMOCRAZIA È PARTECIPAZIONE, si astengono dall'esercitare un DIRITTO DOVERE, per garantire il quale si è lottato tanto e si è versato sangue fraterno.

 

Sono allibito dagli inviti: "Andate al mare"... BISOGNA ANDARE A VOTARE, perché la VITA ATTIVA prevede questo: PARTECIPAZIONE.

Poi, una volta al seggio, si decide se votare "No" o rifiutare una scheda, ma ASTENERSI è sinonimo di IGNAVIA. Se poi lo si fa per par prevalere il "No", si sputa sulla tomba di chi ci ha permesso di essere LIBERI.

 

Ognuno è libero di fare quello che vuole, l' astensione è una scelta contemplata dalla legge e quindi da rispettare così come nessuno dice nulla quando alcuni parlamentari o senatori escono dall' aula o si astengono durante le votazioni. Il discorso del rifiutare la scheda non sta in piedi, se la rifiuti allora per quel referendum è come se ti fossi astenuto (non avendoti dato la scheda e non avendo tu espresso un voto buono o anche nullo non partecipi al raggiungimento del quorum se non sbaglio) e quindi ricadi tra le persone che tanto critichi.

vai così! ti voglio bannoloso

Qualunque pm di aiuto o di richiesta di risposta ad una discussione verrà cestinato, per le domande usate il forum (avrete più possibilità di ottenre una risposta e queste potrebbero essere utili anche ad altri utenti) ed aspettate fino a quando non ci sarà qualcuno in grado di rispondervi.

 

http://209.85.62.25/3991/77/emo/ban.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

Se parliamo di referendum come quello del 12-13 ti appoggio in quello che hai scritto, se non altro perchè sono rarissime le occasioni in cui i cittadini possono scegliere qualcosa. Ma nelle elezioni di partito, per il governo o per la regione ecc.. una persona può anche scegliere di non votare perchè non si sente rappresentata da nessuno, non per forza per disinteresse o ignavia.

 

Se si vuole far sentire la propria voce, bisognerebbe andare a votare e invalidare le schede, in questo modo indicheresti chiaramente che non ti senti rappresentato da nessuna delle persone proposte. :mrgreen:

Link al commento
Condividi su altri siti

Ognuno è libero di fare quello che vuole, l' astensione è una scelta contemplata dalla legge e quindi da rispettare così come nessuno dice nulla quando alcuni parlamentari o senatori escono dall' aula o si astengono durante le votazioni. Il discorso del rifiutare la scheda non sta in piedi, se la rifiuti allora per quel referendum è come se ti fossi astenuto (non avendoti dato la scheda e non avendo tu espresso un voto buono o anche nullo non partecipi al raggiungimento del quorum se non sbaglio) e quindi ricadi tra le persone che tanto critichi.

Ma quindi i quorum sono separati per ogni quesito?

"Ci sono 3 modi di fare le cose: il modo giusto, quello sbagliato e il modo di Max Power!" "Ma non e' sbagliato pure quello?" "Si'! Ma piu' svelto"

http://card.josh-m.com/live/mondo/MaxPowerBSD.png

Link al commento
Condividi su altri siti

Mi pare sia così.

vai così! ti voglio bannoloso

Qualunque pm di aiuto o di richiesta di risposta ad una discussione verrà cestinato, per le domande usate il forum (avrete più possibilità di ottenre una risposta e queste potrebbero essere utili anche ad altri utenti) ed aspettate fino a quando non ci sarà qualcuno in grado di rispondervi.

 

http://209.85.62.25/3991/77/emo/ban.gif

Link al commento
Condividi su altri siti

Partecipa alla conversazione

Puoi pubblicare ora e registrarti più tardi. Se hai un account, accedi ora per pubblicarlo con il tuo account.

Ospite
Rispondi a questa discussione...

×   Hai incollato il contenuto con la formattazione.   Rimuovere la formattazione

  Sono consentiti solo 75 emoticon max.

×   Il tuo collegamento è stato incorporato automaticamente.   Mostra come un collegamento

×   Il tuo contenuto precedente è stato ripristinato.   Pulisci editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

  • Chi è Online   0 Utenti, 0 Anonimo, 19 Ospiti (Visualizza tutti)

    • Non ci sono utenti registrati online
×
×
  • Crea Nuovo...